The Sandman: 10 differenze tra i fumetti e la serie Netflix

The Sandman, tratta dalla serie a fumetti di Neil Gaiman, è approdata su Netflix lo scorso 5 agosto. Ecco 10 differenze tra lo show e l'opera originale.

L’adattamento Netflix di The Sandman, tratto dall’omonimo fumetto di Neil Gaiman (qui la nostra recensione), è stato accolto con grande entusiasmo da parte dei fan, grazie soprattutto all’incredibile fedeltà dello show ideato dallo stesso Gaiman insieme a David S. Goyer e Allan Heinberg rispetto al materiale originale.

Tuttavia, esistono alcune differenze sostanziali tra il fumetto originale e la serie Netflix, che hanno contribuito a rendere l’adattamento per il piccolo schermo un prodotto fruibile anche per coloro che non avevano mai letto il fumetto originale. Scopriamole insieme di seguito:

10La storia di John Dee

Nella serie a fumetti, l’arco narrativo di John Dee è una delle storie più inquietanti, in grado di far comprendere al lettore, da solo, l’immenso potere che possiede uno degli strumenti di Sogno, ossia il rubino. Questo è il motivo per cui è stato particolarmente emozionante vedere la famosa storyline “24/7” trasposta all’interno della serie (nello specifico, nel quinto episodio).

Tuttavia, la motivazione di John nella serie tv è molto diversa rispetto a quella dei fumetti. Nella serie tv, infatti, John afferma di volere soltanto un mondo più onesto, poiché è cresciuto sperimentando cosa voglia dire quando una persona a te cara non fa altro che mentirti per tutto il tempo. Nei fumetti, invece, John vuole scatenare soltanto il caos: ad un certo punto, arriva ad affermare che “smembrerà il mondo e, poi, ballerà tra le sue macerie”.

Indietro

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui