venerdì, Luglio 19, 2024
HomeSerie TvSpeciali Serie TvOne Piece: tutte le differenze tra la serie Netflix e il manga...

One Piece: tutte le differenze tra la serie Netflix e il manga originale

Tutte le più grandi differenze tra l'adattamento live action di One Piece targato Netflix e il manga originale di Eiichirō Oda.

La serie live action di One Piece prodotta da Netflix ha cambiato diversi elementi della storia originale, nonostante sia abbastanza fedele al manga di Eiichirō Oda. La prima stagione di One Piece, composta da otto episodi, copre i primi 95 capitoli del fumetto giapponese. Tenendo conto di quanti personaggi e location sono presenti sin dall’inizio, alcuni cambiamenti alla storia erano necessari. Fortunatamente, molti dei cambiamenti apportati nello show live action sono stati fatti più che altro per ragioni di ritmo, senza alterare la personalità dei personaggi.

Eiichirō Oda è stato direttamente coinvolto nella serie tv di One Piece, sempre pronto a dire ai produttori quando qualcosa non andava bene. La prima stagione di One Piece ha mostrato un sacco di rispetto nei confronti del materiale originale, con easter egg gustosi e un’accurata trasposizione di scene iconiche. Nonostante questo, molte deviazioni sono state prese dalla storia originale, da personaggi mancanti a location totalmente nuove. Ecco i cambiamenti più grossi apportati dalla serie Netflix nei confronti del famoso manga.

26
Garp ha condotto Gold Roger alla sua esecuzione

Alcuni dei cambiamenti più grossi di One Piece hanno a che fare con Garp, la cui prima apparizione nel manga è nel capitolo 92. Nello show live action, Garp è uno di quelli che accompagnano Gold Roger all’esecuzione. Cosa che viene citata anche nel finale di stagione, quando Garp ricorda la risata fatta da Roger, poco prima della sua morte, mentre guarda Luffy.

Indietro
Marco Scaletti
Marco Scaletti
Prima sono arrivati i fumetti e i videogiochi, dopo l'innamoramento totale per il cinema e le serie tv. Consumatore onnivoro dei generi più disparati, dai cinecomics alle disturbanti opere del sommo Cronenberg | Film del cuore: Alien | Il più grande regista: il succitato Cronenberg o Michael Mann | Attore preferito: Joaquin Phoenix | La citazione più bella: "I gufi non sono quello che sembrano" (I segreti di Twin Peaks)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

RECENTI