venerdì, Agosto 19, 2022
HomeFestivalFestival di VeneziaL'amica geniale, recensione dei primi due episodi della serie tratta da Elena...

L’amica geniale, recensione dei primi due episodi della serie tratta da Elena Ferrante

La recensione dei primi due episodi de L'amica geniale, la serie tratta dal romanzo omonimo di Elena Ferrante, presentata fuori concorso a Venezia 75.

Dopo il successo di The Young Pope, le grandi serie tv tornano protagoniste della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica. In occasione di Venezia 75, infatti, il pubblico e la stampa hanno avuto l’occasione di vedere in anteprima i primi due episodi di uno dei prodotti più attesi della prossima stagione televisiva.

Stiamo parlando de L’amica geniale, adattamento destinato al piccolo schermo del bestseller omonimo della scrittrice napoletana Elena Ferrante, primo libro di una quadrilogia pubblicata a partire dal 2011. La Ferrante ha collaborato alle sceneggiature di tutti gli 8 episodi della serie, il cui debutto in Italia (grazie a Rai Fiction) e in America (tramite HBO, con il titolo “My Brilliant Friend”) è previsto per il prossimo ottobre.

I primi due episodi della serie palesano da subito un adattamento estremamente fedele alle pagine tanto amate dellaFerrante. Siamo a Napoli, durante gli anni ’50. Il primo episodio ci presenta Elena e Lila (interpretate dalle bravissime Elisa Del Genio e Ludovica Nasti), due bambine estremamente intelligenti ma molto diverse tra loro, che scoprono di essere entrambe insofferenti alle “regole” del Rione napoletano dove sono nate.

Il secondo episodio, invece, ci preseta le due bambine attraverso i loro sogni e le loro speranze: desiderose di diventare due grandi scrittrici, dovranno superare i pregiudizi delle loro rispettive famiglie che, a causa di una scarsa cultura e di importanti difficoltà economiche, non hanno alcuna intenzione di continuare a farle studiare.

l'amica geniale 1

La recensione dei primi due episodi de L’amica geniale, presentati fuori concorso a Venezia 75

I primi due episodi de L’amica geniale – affidata interamente nelle mani di Saverio Costanzo (regista de La solitudine dei numeri primi e Hungry Hearts) – restituiscono allo spettatore le grandi scene del romanzo originale in tutta la loro autenticità, attraverso una ricostruzione precisa ed estremamente sincera della città di Napoli e del suo stile di vita affascinante.

I meravigliosi personaggi di Elena e Lila emergono in tutta la loro spontaneità e il loro essere contraddittorio, spinte – nonostante la giovane età – da un irrefrenabile desiderio di cambiare le proprie vite. In questo senso la città di Napoli – splendidamente ritratta in tutto il suo fascino, ma anche in tutto il suo “pericolo” – diviene un vero e proprio personaggio della storia, che sembra evolversi insieme alle svolte d’animo delle due piccole protagoniste.

I primi due episodi raccontano la prima parte del primo romanzo omonimo, dal titolo “Infanzia”: una breve clip mostrata alla fine degli stessi ha anticipato che già dal terzo episodio vedremo adattata la seconda parte, ossia “Adolescenza”, in cui i personaggi di Elena e Lila saranno interpretati da Margherita Mazzucco e Gaia Girace.

L’inizio del primo episodio di L’amica geniale ha posto lo spettatore di fronte a un mistero da scoprire: Elena, ormai anziana, riceve la notizia della scomparsa di Lila. Inizia così a scrivere la storia della loro amicizia, un’amicizia durata oltre sessant’anni che siamo certi avrà ancora da svelare e da raccontare.

Almeno per adesso, dopo la visione dei primi due episodi, L’amica geniale è promosso a pieni voti. Non vediamo l’ora di scoprire cosa il futuro e Napoli hanno in serbo per le due coraggiose, sensibili e perspiscaci protagoniste.

Stefano Terracina
Stefano Terracina
Cresciuto a pane, latte e Il Mago di Oz | Film del cuore: Titanic | Il più grande regista: Stanley Kubrick | Attore preferito: Michael Fassbender | La citazione più bella: "Io ho bisogno di credere che qualcosa di straordinario sia possibile." (A Beautiful Mind)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

RECENTI

- Advertisment -