venerdì, Ottobre 7, 2022
HomeSerie TvNews Serie TvSuburra La Serie: tre ribelli alla conquista di Roma - video

Suburra La Serie: tre ribelli alla conquista di Roma – video

Suburra La Serie, la prima serie originale Netflix italiana, debutterà il 6 ottobre 2017 e raggiungerà 100 milioni di abbonati nei 190 Paesi in cui il servizio è attivo, rendendo la produzione originale Netflix disponibile per un pubblico globale.

Diretta da Michele Placido, Andrea Molaioli e Giuseppe Capotondi, Suburra La Serie, è un crime thriller ambientato a Roma, che descrive come la Chiesa, lo Stato e la criminalità organizzata si scontrano, confondendo i limiti della legalità e dell’illecito nella loro feroce ricerca del potere.

Al centro della storia troviamo tre giovani uomini: Numero 8 (Alessandro Borghi), Spadino (Giacomo Ferrara) e Lele (Eduardo Valdarnini), diversi per origine, ambizioni e passioni, che saranno chiamati a fare alleanze per realizzare i loro più profondi desideri. Gli altri personaggi includono Sara Monaschi (Claudia Gerini), Amedeo Cinaglia (Filippo Nigro), Samurai (Francesco Acquaroli) e Manfredi Anacleti (Adamo Dionisi).

Tratto dall’omonimo romanzo ma ambientato molti anni prima, Suburra La Serie (qui il trailer ufficiale), è una serie tv densa di azione, dramma e crimine, che racconta 20 giorni di disordini in 10 incredibili episodi

Suburra La Serie: tre ribelli alla conquista di Roma – video

Suburra è un romanzo italiano del 2013 scritto da Giancarlo De Cataldo e Carlo Bonini sulla mafia romana negli anni moderni, a cui è seguito nel 2015 il romanzo La Notte di Roma. Dal romanzo è stato tratto l’omonimo film del 2015 diretto da Stefano Sollima. Libro e film sono stati congiuntamente premiati nel 2016 con il Premio Ostiglia – Arnoldo Mondadori, concorso dedicato a produzioni cinematografiche tratte da opere letterarie.

La sinossi del romanzo

Roma, giorni nostri. Una prostituta lituana muore di overdose in una camera d’albergo, ospite di un parlamentare e insieme a un’altra escort. Per sistemare lo scandalo e nascondere il cadavere viene chiamato Spadino, uomo tuttofare degli Anacleti, il potente clan di zingari di Roma est. Malgradi, l’onorevole in affari con il Samurai ultimo sopravvissuto della vecchia banda, chiama Numero Otto erede del clan Adami che controlla Ostia e il litorale. Si scatena una guerra criminale su cui indaga il tenente colonnello Marco Malatesta, un tempo seguace del Samurai. Sullo sfondo si prepara il waterfront, la più grande speculazione mai pensata che sommergerà il litorale di Roma di cemento.

Stefano Terracina
Stefano Terracina
Cresciuto a pane, latte e Il Mago di Oz | Film del cuore: Titanic | Il più grande regista: Stanley Kubrick | Attore preferito: Michael Fassbender | La citazione più bella: "Io ho bisogno di credere che qualcosa di straordinario sia possibile." (A Beautiful Mind)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

RECENTI

- Advertisment -