martedì, Agosto 9, 2022
HomeRecensioniThe Accountant, recensione del film con Ben Affleck

The Accountant, recensione del film con Ben Affleck

Articolo a cura di Joseph Crisafulli

Il pregiudizio spesso ci sconfigge, portandoci a pensare che determinate categorie di persone non siano capaci di realizzare determinate azioni o determinati lavori. Il pregiudizio ci può portare a pensare che certe persone non abbiano la possibilità di avere una vita normale; infine il pregiudizio ci porta a credere che esista una sola definizione per il concetto di “vita normale”.

Il regista Gavin O’Connor (Warrior, Jane Got a Gun) dirige una pellicola scritta da Bill Dubuque che già aveva sorpreso con The Judge nel 2014, di cui ha firmato la sceneggiatura. A dare vita allo script c’è un cast davvero d’eccezione, che passa da Ben Affleck (Gone Girl, Batman v Superman) arrivando ad Anna Kendrick (Pitch Perfect 2), il premio Oscar J.K. Simmons (Whiplash) e Jon Bernthal (Fury, Dardevil).

Christian Wolff (Affleck) è un contabile straordinariamente dotato. La sua incredibile intelligenza e capacità di calcolo lo rendono un uomo decisamente sopra la media. Nel suo lavoro Christian Wolff è il migliore e non smette mai fino a quando non è finito. Il signor Wolff è semplice contabile, ma i suoi clienti non sono così ordinari; viene infatti chiamato principalmente da organizzazioni criminali pericolosissime. La domanda di fondo è: chi è Christian Wolff e qual è la sua storia?

The Accountant, letteralmente Il contabile, è un film volutamente arguto, che gioca a più livelli con i nostri pregiudizi. Il primo livello è incarnato dal lavoro del protagonista, il lavoro del contabile, che nell’immaginario comune è così noioso e prevedibile, ma che viene reso avvincente da questa operazione. Un secondo livello – ben più profondo – riguarda un altro pregiudizio, ovvero quello riguardante le persone malate. In questo caso la malattia di riferimento è l’autismo in alcune delle sue diverse forme. Siamo portati a pensare che esista un solo tipo di intelligenza, un solo modo di vivere la vita in maniera “normale”, ma la realtà è che ci sbagliamo.

The Accountant però non è un action drama in toto; la pellicola è infatti ricca di ironia ed è in grado di divertire, strappando più di una risata. A tutti gli effetti il protagonista è una sorta di Sheldon Cooper da Big Bang Theory con le abilità di Batman e una vita piuttosto avventurosa. Non mancano piccoli easter egg e citazioni al mondo dell’Uomo Pipistrello, di cui Ben Affleck è la nuova ultima incarnazione.

Ogni elemento della storia viene sfruttato, la sceneggiatura ben solida regala diversi colpi di scena, anche se non tutti riescono pienamente (ma solo uno spettatore molto attento e allenato potrà anticiparli). The Accountant è quindi un divertente action, che nasconde la storia di un dramma famigliare tentando di sensibilizzare il pubblico sul tema dell’autismo e della diversità.

Guarda il trailer ufficiale di The Accountant

Redazione
Redazione
Il team di Moviestruckers è composto da un valido ed eterogeneo gruppo di appassionati cinefili con alle spalle una comprovata esperienza nel campo dell'informazione cinematografica.

4 Commenti

  1. Bella recensione. Il film mi aveva convinto già la prima volta che avevo visto il trailer su youtube. Mi piace il fatto del personaggio che è un mix tra A Beautiful Minds e John Rambo. Spero di trovare una versione in streaming fatta bene anche se è un pò difficile visto che è uscito da meno di due settimane. Potrebbe essere una delle mie prime recensioni di film del blog.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

RECENTI

- Advertisment -