domenica, Agosto 7, 2022
HomeFestivalFestival di VeneziaSpaccapietre, recensione del film con Salvatore Esposito

Spaccapietre, recensione del film con Salvatore Esposito

La recensione di Spaccapietre, il film con Salvatore Esposito presentato in Concorso alle Giornate degli Autori di Venezia 77. Dal 7 Settembre al cinema.

Spaccapietre, il film presentato in Concorso alle Giornate degli Autori di Venezia 77, porta alla ribalta i gemelli Gianluca e Massimiliano De Serio, registi di questo cupo dramma “neo-realista” – ma, soprattutto, verista – sulla piaga del caporalato nel meridione italiano, raccontando la difficile storia di una famiglia alle prese con il lutto, la sua elaborazione, la difficile sopravvivenza e una promessa fatta da un padre a un figlio: restituire a quest’ultimo la madre perduta, ad ogni costo. Il film, presentato nel corso della giornata del 7 Settembre al Lido, uscirà nelle sale italiane in contemporanea, ben rappresentando quella volontà di far ripartire l’industria dell’audiovisivo, messa in ginocchio dall’epidemia di COVID-19.

Puglia, giorno d’oggi. Giuseppe e Angela sono gli amorevoli genitori del piccolo Antò: l’uomo purtroppo non può più lavorare nella cava dove ha speso la sua esistenza, a causa di un incidente sul lavoro che gli ha lasciato un occhio offeso e un dolore incolmabile nel dover vedere sua moglie mentre si prepara per andare a lavorare nei campi. L’esistenza precaria di queste tre persone viene distrutta dalla morte accidentale di Angela: tutto inizia a cambiare, padre e figlio non possono più permettersi la loro vita e sono costretti ad andare a vivere tra i lavoratori stagionali dei campi, lavorando proprio per quelle persone che hanno causato la morte della donna per via dei metodi illegali e inumani imposti ai braccianti.

Spaccapietre è un racconto “neo-realista”, ma non nel senso cinematografico del termine: recuperando un’antica tradizione letteraria, i gemelli De Serio cercano di narrare la realtà che ci circonda senza fronzoli, evitando accuratamente qualunque elemento capace di edulcorare i tragici fatti di cronaca che apprendiamo, ogni giorno, dai telegiornali. Più che “neo-realista” è un racconto anche di formazione con un taglio verista, pronto a recuperare la lezione cruda e spietata della narrativa di Verga, con lo sguardo poggiato delicatamente sulle vite degli ultimi e degli emarginati.

Un racconto di formazione perché, al centro della scena, c’è un bambino: Antò – un intenso Samuele Carrino – che assiste lentamente alla “cannibalizzazione” della sua infanzia, strappata a poco a poco dalla morte, dagli ostacoli, dagli eventi e dall’amarezza di una vita che sembra aver voltato le spalle ai disperati protagonisti. Il dramma della rielaborazione del lutto passa per il delicato rapporto tra figlio e padre, quest’ultimo incarnato dalla mole imponente di Salvatore Esposito (volto simbolo della serie Gomorra).

Esposito è il volto giusto per rappresentare questo dramma dell’era moderna: una figura rassicurante che fa una promessa al figlio e che cerca, in tutti i modi, di mantenerla ad ogni costo; quello che compiono insieme è un viaggio on the road nell’oscurità dell’animo consumato tra crudeltà, efferatezze e inaspettati slanci di normalità. Spaccapietre è un’elegia degli ultimi; una cronaca in tempo reale del dramma che s’insinua nella vita fino a stravolgerla completamente, mettendo a repentaglio gli affetti stabili e le certezze sulle quali sono basate le esistenze di tutti noi.

Il tema trattato, quello del caporalato e dello sfruttamento dei lavoratori stagionali nei campi, pur rientrando nel filone del “cinema di denuncia” non è poi stato trattato troppo spesso dalla cinematografia italiana contemporanea; le scelte tecniche ed estetiche dei De Serio accomunano la resa finale ai tanti progetti volti a raccontare la provincia e le periferie del Belpaese, tutti alla continua ricerca di nuovi linguaggi per narrare il reale, distaccandosi sempre meno dal “verismo”, parcellizzando le variazioni di genere e prediligendo invece un racconto asciutto e tagliente proprio come una pietra, pronta a ferire e a sconcertare lo spettatore.

Guarda il trailer ufficiale di Spaccapietre

GIUDIZIO COMPLESSIVO

Spaccapietre è un’elegia degli ultimi; una cronaca in tempo reale del dramma che s’insinua nella vita fino a stravolgerla completamente, mettendo a repentaglio gli affetti stabili e le certezze sulle quali sono basate le esistenze di tutti noi.
Ludovica Ottaviani
Ludovica Ottaviani
Imbrattatrice di sudate carte a tempo perso, irrimediabilmente innamorata della settima arte da sempre | Film del cuore: Lo Chiamavano Jeeg Robot | Il più grande regista: Quentin Tarantino | Attore preferito: Gary Oldman | La citazione più bella: "Le parole più belle al mondo non sono Ti Amo, ma È Benigno." (Il Dormiglione)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

RECENTI

- Advertisment -
Spaccapietre, recensione del film con Salvatore EspositoSpaccapietre è un’elegia degli ultimi; una cronaca in tempo reale del dramma che s’insinua nella vita fino a stravolgerla completamente, mettendo a repentaglio gli affetti stabili e le certezze sulle quali sono basate le esistenze di tutti noi.