martedì, Agosto 9, 2022
HomeRecensioniSing, recensione del film d'animazione della Illumination Entertainment

Sing, recensione del film d’animazione della Illumination Entertainment

C’era un tempo in cui i cartoni animati erano sinonimo di Disney Studios, con il tanto atteso film di Natale. Gli ultimi vent’anni hanno decisamente ribaltato la situazione e dopo la visione di Sing, ultima fatica della Illumination Entertainment (Cattivissimo Me, I Minions) abbiamo avuto la sensazione che l’impero di zio Walt debba prendere atto di avere competitor più che validi.

Sing è un mix frizzante di bravura tecnica, accurata caratterizzazione dei personaggi e animazione dinamica e travolgente, supportata da una storia semplice ma non banale. Buster Moon è proprietario di un teatro da tempo lontano dalle luci della ribalta. Prossimo al fallimento, l’ostinato koala non demorde, proponendo un contest canoro che, a suo parere, risolleverà le sorti del Moon Theater. C’è solo un piccolo problema: Miss Crawley, vecchia e pasticciona segretaria dell’impresario, sbaglia a scrivere il montepremi, che passa da 1000 dollari a 100.000. Neanche a dirlo, il giorno dopo ci sono km di fila davanti al teatro. Moon scoprirà solo dopo l’equivoco e dovrà capire come gestire la situazione.

Non solo un’animazione magnetica e citazioni di capolavori che delizieranno il palato dei cinefili più convinti. La casa di produzione di Santa Monica non ha davvero badato a spese, con una colonna sonora da urlo (“Under Pressure”, “Halleluja”, “Don’t You Worry About a Thing”) e doppiatori di tutto rispetto. A parte l’affascinante Matthew McCounaghey che doppia Moon, gli eletti per partecipare al talent hanno tutti voci famose. Scarlett Johansson è Ash, la porcospina rocker, Reese Whiterspoon e Seth Mc Farlane doppiano rispettivamente la determinata maialina Rosita e Mike, topino gangster, novello Frank Sinatra. John C. Reilly è invece Eddie, ricco e nullafacente amico di Buster.

Irresistibili anche il personaggio di Meena (Tori Kelly), timida elefantessa adolescente con l’ansia da palcoscenico, che solo alla fine mostrerà il suo talento, e Gunter (Nick Kroll), energico maiale amante del ballo. Un film che riprende insomma tutti i principi dell’animazione, quella più pura, quella scritta e categorizzata dai famosi Nine Old Men. Eppure non è Disney.

Sing ci dimostra che, cambiando contesto e mezzi, ci sono argomenti che non passano mai di moda: credere nel potere del riscatto e nella forza dei propri sogni. Che tu sia una casalinga, un criminale, un insicuro, per dirla alla Buster Moon: “Anche se tocchi il fondo, c’è solo una direzione verso cui si può andare: in alto!” 

Guarda il trailer ufficiale di Sing

Redazione
Redazione
Il team di Moviestruckers è composto da un valido ed eterogeneo gruppo di appassionati cinefili con alle spalle una comprovata esperienza nel campo dell'informazione cinematografica.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

RECENTI

- Advertisment -