venerdì, Marzo 1, 2024
HomeRecensioniPrendi Il Volo, recensione del film d'animazione targato Illumination

Prendi Il Volo, recensione del film d’animazione targato Illumination

La recensione di Prendi Il Volo, il film d'animazione targato Illumination con le voci italiane di Serena Rossi e Francesco Scianna. Dal 7 dicembre al cinema.

Dopo l’incredibile successo di Super Mario Bros. Il Film – uscito nelle sale soltanto lo scorso aprile e diventato in pochissimo tempo il film di maggior incasso del 2023 (salvo poi essere battuto da un altro fenomeno della stagione, Barbie di Greta Gerwig), Illumination Entertainment torna a colonizzare gli schermi cinematografici con un progetto sicuramente meno ambizioso ma non per questo privo di interesse o addirittura trascurabile.

Del resto, come si può credere – ad oggi – che la casa di produzione dietro al successo di franchise come Cattivissimo me, Minions, Sings e Pets – Vita da animali possa dare vita ad una storia priva di valore, significato e forse – almeno all’apparenza – meno accattivante dei suoi illustri predecessori? E infatti, Prendi Il Volo è l’ennesima scommessa vinta per la società fondata da Chris Meledandri nell’ormai lontano 2007.

Di cosa parla Prendi Il Volo? 

Dopo le anteprime del 2 e 3 dicembre, il film – diretto dal francese Benjamin Renner (lo stesso del bellissimo Ernest & Celestine, candidato agli Oscar nel 2014 come miglior film d’animazione) – arriva finalmente nelle sale italiane dal 7 dicembre, distribuito da Universal Pictures. 

La storia è quella di una famiglia di anatre, i Mallard, intrappolata nella sua routine: da un lato abbiamo papà Mack, felice di preservare la sicurezza della sua famiglia all’interno del loro stagno nel New England; dall’altro, invece, c’è mamma Pam, intenzionata a dare una scossa alle loro pacifiche esistenze e, soprattutto, a mostrare ai loro figli – i piccoli anatroccoli Dax e Gwen – le meraviglie del mondo. 

L’occasione per cambiare stile di vita e dare una svolta alla quotidiana monotonia si presenta quando una famiglia di anatre migratorie approda nel loro stagno iniziando a raccontare di entusiasmanti esperienze vissute in luoghi lontani. Pam riesce a convincere Mack ad intraprendere un viaggio di famiglia che da New York li porterà fino alla Giamaica tropicale: ovviamente, nulla andrà secondo i loro piani così ben orchestrati, ma l’esperienza si rivelerà comunque preziosa per le dinamiche dell’intero nucleo familiare.

Una storia di legami… ma anche di contrasti

Prendi Il Volo è una bellissima avventura che riesce – sorprendentemente – ad essere tante cose: soprattutto, al di là degli elementi che ne fanno una godibilissima commedia per famiglie, è interessante notare quanto la storia firmata da Mike White (School of Rock) sia molto centrata sui legami che intercorrono tra i membri di questa tenerissima famiglia e – ancora di più – sui loro reciproci ed inevitabili contrasti.

Attraverso le idiosincrasie – mai banali! – dei personaggi di Mack e Pam – splendidamente doppiati nella versione italiana da Francesco Scianna e Serena Rossi -, il film invita lo spettatore a riflettere su quanto sia importante – ma anche difficile, nessuno lo mette in dubbio! – trovare il giusto equilibrio tra il superamento delle proprie paure (a volte lecite, altre no) e la voglia di lasciarsi andare, mettersi alla prova e scoprire di avere un coraggio che forse non immaginavamo neanche di possedere.

Ancora, fra i tanti messaggi edificanti del film – che arrivano al pubblico in maniera chiara e del tutto genuina, senza che l’esperienza narrativa venga mai forzata – ce n’è un altro che vale la pena mettere in risalto: la speciale dinamica tra Mack e Pam – fondata sulla costante ricerca di un precario equilibrio tra le ansie e la visione del mondo del primo e la mentalità aperta e lo spirito audace della seconda – ci induce a riconsiderare con maggiore attenzione un aspetto che troppe volte, all’interno dei rapporti interpersonali, fatichiamo a dosare: impedire alle nostre paure di influenzare in negativo la vita delle persone a cui vogliamo più bene.

Pieno di umorismo, ricco di avventura, costellato di passaggi commoventi e impreziosito da un’animazione vicinia agli standard a cui Illumination ci ha abituati fino ad oggi, Prendi Il Volo è un entusiasmante e potente incoraggiamento ad uscire dalla propria comfort zone e a pensare fuori dagli schemi per abbracciare le infinite possibilità che la vita – nel bene e nel male – è sempre pronta a riservarci.

Guarda il trailer ufficiale di Prendi Il Volo

GIUDIZIO COMPLESSIVO

Pieno di umorismo, ricco di avventura, costellato di passaggi commoventi e impreziosito da un'animazione vicinia agli standard a cui Illumination ci ha abituati fino ad oggi, Prendi Il Volo è un entusiasmante e potente incoraggiamento ad uscire dalla propria comfort zone e a pensare fuori dagli schemi per abbracciare le infinite possibilità che la vita - nel bene e nel male - è sempre pronta a riservarci.
Stefano Terracina
Stefano Terracina
Cresciuto a pane, latte e Il Mago di Oz | Film del cuore: Titanic | Il più grande regista: Stanley Kubrick | Attore preferito: Michael Fassbender | La citazione più bella: "Io ho bisogno di credere che qualcosa di straordinario sia possibile." (A Beautiful Mind)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

RECENTI

- Advertisment -
Pieno di umorismo, ricco di avventura, costellato di passaggi commoventi e impreziosito da un'animazione vicinia agli standard a cui Illumination ci ha abituati fino ad oggi, Prendi Il Volo è un entusiasmante e potente incoraggiamento ad uscire dalla propria comfort zone e a pensare fuori dagli schemi per abbracciare le infinite possibilità che la vita - nel bene e nel male - è sempre pronta a riservarci.Prendi Il Volo, recensione del film d'animazione targato Illumination