Pets 2 – Vita da Animali, recensione dell’atteso sequel del film d’animazione

scritto da: Carlotta Guido

In Pets 2 – Vita da Animali di Chris Renaud ritorna la banda di amici domestici più simpatica e ingombrante dell’animazione contemporanea. Il film, nelle sale a partire dal 6 giugno grazie alla Universal Pictures e alla Illumination Entertainment, conterà su un cast vocale composto da Alessandro Cattelan (Max), Lillo (Duke), Laura Chiatti (Gidget) e Francesco Mandelli (Nevosetto). Il film è, in ordine di tempo, il decimo prodotto dalla casa di produzione creatrice dei Minions, cui Pets 2 non manca di strizzare l’occhio.

I cani Max e Duke, il temibile coniglietto Nevosetto, la gatta pelandrona Chloe e la cagnolina Gidget si confronteranno con il superamento delle loro paure e dei loro limiti circondati non solo dallo skyline di New York ma anche dalla sconosciuta campagna. Che si tratti di salvare una pecora sull’orlo di un precipizio, di tirare fuori dai guai una tigre albina o di prendere sotto la propria zampa protettrice le sorti di un bambino, i nostri inarrestabili amici animali capiranno ben presto che solo l’unione fa la forza.

Pets 2 – Vita da Animali è un prodotto d’animazione che punta certamente alla conquista del pubblico più piccolo. C’è spazio, a volte, per un umorismo più confacente agli adulti, ma questo rimane liminare rispetto alla costruzione generale del film. Il punto di forza del lungometraggio si trova, quindi, proprio in virtù di questa caratteristica, ossia nella sua capacità di tenere alto il ritmo dell’azione per tutta la sua durata.

In Pets 2 – Vita da Animali non si fornisce mai il tempo a chi guarda – qualsiasi età abbia – di annoiarsi o di perdere l’attenzione sui simpatici batuffoli di pelo. A tratti i pretesti per la costruzione della trama potrebbero sembrare un po’ semplicistici – la tigre rinchiusa in un circo gestito da un terribile villain russo di nero vestito e contornato da famelici lupi o la situazione extra-cittadina in cui viene catapultato l’ansioso Max –, ma sono comunque utili a quella che è la cifra generale del film.

Di certo il traino comico dell’intera operazione rimane Nevosetto (Snowball nella versione originale), il tenero coniglio bianco ora in veste di supereroe, con il suo mix di pavidità e coraggio, tenerezza e sana cattiveria. Interessante anche il carattere del cane pastore Galletto, doppiato in originale da Harrison Ford, che si rivela un elemento adulto e interessante per la ricerca di consapevolezza del piccolo Max.

Pets 2 – Vita da Animali (qui il trailer italiano ufficiale) riesce a far concertare il ritmo degli umani con quello degli animali. Il lungometraggio d’animazione è capace di far riflettere – piccoli e meno piccoli – sul rispetto che deve intercorrere in una relazione che non è più quella tra padrone e animale domestico, bensì tra amici. E ricordatevi di non scappare appena terminato il film… perché Nevosetto ne conosce una più del diavolo!

Guarda il trailer ufficiale di Pets 2 – Vita da Animali

Carlotta Guido

Redattrice | Dopo la visione de Il Padrino Parte II capisce che i suoi film preferiti saranno solo quelli pari o superiori alle tre ore | Film del cuore: Il Padrino | Il più grande regista: Aleksandr Sokurov | Attore preferito: Marlon Brando | La citazione più bella: "Il destino è quel che è, non c’è scampo più per me" (Frankenstein Junior)


Siti Web Roma