lunedì, Agosto 8, 2022
HomeFestivalFestival di VeneziaLacci, recensione del film di Daniele Luchetti

Lacci, recensione del film di Daniele Luchetti

La recensione di Lacci, film d'apertura di Venezia 77, diretto da Daniele Luchetti e interpretato da Luigi Lo Cascio e Alba Alba Rohrwacher. Dal 1 Ottobre al cinema.

Lacci di Daniele Luchetti è un film sulle forze segrete, invisibili, spesso taciute e represse, che ci legano indissolubilmente gli uni agli altri. Dopo Io sono tempesta e Momenti di trascurabile felicità, il regista e sceneggiatore romano torna al cinema con un adattamento dell’omonimo romanzo di Domenico Starnone, che nel progetto è stato coinvolto in veste di co-sceneggiatore insieme allo stesso Luchetti e a Francesco Piccolo. Il film ha aperto – Fuori Concorso – Venezia 77, la 77esima edizione della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica e sarà nelle sale italiane a partire dal prossimo 1 ottobre.

La storia di Lacci, disarmante nella sua semplicità, è quella di Aldo e Vanda, il cui matrimonio entra in crisi quando Aldo, mosso da un impeto di incontenibile sincerità, rivela a Vanda di averla tradita e di essersi innamorato di una donna più giovane, Linda. Del romanzo originale, Luchetti sembra interessato a cogliere non soltanto la profondità dei personaggi, ma anche quel senso di sorprendente definitezza che li contraddistingue e che spinge con estrema facilità lo spettatore ad identificarsi con loro. È infatti sui protagonisti di questa storia familiare che il regista focalizza il suo sguardo indagatore, servendosi di bellissimi primi piani atti a catturare non soltanto la complessità delle emozioni umane ma anche la comprovata bravura degli interpreti.

Se c’è una lezione che la vita può impartire è che le persone non restano unite solo quando esiste l’amore, ma anche quando quello stesso amore non esiste più. In questo senso, i “lacci” del titolo sono – metaforicamente – qualcosa che ci viene tramandato dalla nostra famiglia: un gesto apparentemente semplice (quello di allacciarsi le scarpe, che spesso ci viene insegnato durante l’infanzia dai nostri genitori) diventata figurato e si erge a rappresentazione di tutti quei legami indistruttibili, che non sempre si riescono a spiegare, che spesso possono rivelarsi dannosi e con i quali continuiamo a fare i conti per il resto della nostra vita. Legami che vorremmo spezzare ma che il più delle volte non sappiamo come sciogliere, vincolati dall’inerzia, dalla paura, dalla mancanza di carattere o di volontà.

Daniele Luchetti ci regala un racconto che si muove avanti e indietro nel tempo e, di conseguenza, nelle emozioni che hanno segnato la vita dei suoi personaggi. Il resoconto della separazione tra Aldo e Vanda e della loro successiva riconciliazione ci viene presentato come un enorme e complicato puzzle, a cui ogni volta siamo capaci di aggiungere un pezzo in più, aiutati anche dal ritmo cadenzato della storia. Aldo e Vanda, interpretati da Luigi Lo Cascio e Silvio Orlando e da Alba Rohrwacher e Laura Morante, sono due anime bonariamente infelici, mosse da rancore, vergogna, anche disonore, ma pronte fino alla fine a credere di poter ricominciare, nel tentativo folle ed estenuante di tenere fede “alla parola data”.

Di fronte a queste personalità così fragili ma anche così sfaccettate e tormentate, le città che fanno da sfondo alla vicenda – Napoli e Roma – scompaiono. A nulla servono i grandi spazi in cui i protagonisti potrebbero ipoteticamente muoversi, dal momento che a Luchetti interessano gli “interni”: che si tratti di case, appartamenti o stanze, sono quei luoghi all’apparenza così pacati e silenziosi a diventare il principale veicolo delle emozioni dei personaggi, e che a mano a mano diventeranno strabordanti contenitori di dolore, sopportazione, logorio, insoddisfazione, angoscia. Ognuno dei membri del cast è perfettamente calato nel suo ruolo, ma sono Alba Rohrwacher e Silvio Orlando (rispettivamente la versione giovane di Vanda e quella adulta di Aldo) a dimostrare maggiore estro e abilità, mentre Linda Caridi (nei panni di Linda) si conferma – dopo Ricordi? di Valerio Mieli – uno dei volti più interessanti e affascinanti dell’odierno panorama cinematografico italiano, nonostante lo scarso minutaggio a disposizione.

Servendosi di un controllo totale sulla messinscena e sui personaggi, Daniele Luchetti racconta con Lacci una storia semplice e ordinaria, mescolando sincerità e brutalità, senza mai indugiare su toni calcatamente patetici o tragici. Tuttavia, nella ricerca della completezza all’interno della frammentarietà (quest’ultima vicina tanti ai protagonisti quanto al linguaggio utilizzato dal film), l’atto conclusivo – che vede al centro i figli ormai adulti e disincantati di Aldo e Vanda, interpretati da Adriano Giannini e Giovanna Mezzogiorno – rischia di non intrecciarsi come dovrebbe a quei fili già annodati del passato e del presente, limitandosi ad esemplificare un futuro i cui danni causati dalla presenza/assenza dell’amore sono ormai irreversibili.

Guarda il trailer ufficiale di Lacci

GIUDIZIO COMPLESSIVO

Servendosi di un controllo totale sulla messinscena e sui personaggi, Daniele Luchetti racconta con Lacci una storia semplice e ordinaria, mescolando sincerità e brutalità, senza mai indugiare su toni calcatamente patetici o tragici.
Stefano Terracina
Stefano Terracina
Cresciuto a pane, latte e Il Mago di Oz | Film del cuore: Titanic | Il più grande regista: Stanley Kubrick | Attore preferito: Michael Fassbender | La citazione più bella: "Io ho bisogno di credere che qualcosa di straordinario sia possibile." (A Beautiful Mind)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

RECENTI

- Advertisment -
Lacci, recensione del film di Daniele LuchettiServendosi di un controllo totale sulla messinscena e sui personaggi, Daniele Luchetti racconta con Lacci una storia semplice e ordinaria, mescolando sincerità e brutalità, senza mai indugiare su toni calcatamente patetici o tragici.