lunedì, Marzo 4, 2024
HomeFestivalFestival di VeneziaHannah recensione del film di Andrea Pallaoro con Charlotte Rampling

Hannah recensione del film di Andrea Pallaoro con Charlotte Rampling

Dopo l’esordio del 2013 con Medeas, l’italiano Andrea Pallaoro torna dietro la macchina da presa con una protagonista d’eccezione: l’iconica Charlotte Rampling è al centro di un dramma sull’isolamento e sui tormenti interiori, sull’incapacità di accettare la realtà che ci circonda.

Hannah, il personaggio interpretato dalla Rampling che dà il titolo al film, è un’anziana signora che, in seguito all’arresto del marito, si vede costretta ad affrontare le conseguenze di un graduale crollo non solo familiare e sociale, ma anche – e soprattutto – emotivo e psicologico. Le giornate di Hannah sono pressoché tutte uguali: la donna si divide fra la cura del suo cane, il lavoro di cameriera presso una ricca famiglia e il corso di recitazione con un gruppo teatrale. A mano a mano la vediamo barcollare, perdere ogni consapevolezza della propria identità e della propria condizione sociale, fino a scivolare in una spirale di insicurezza e disperazione che la porterà a non riconoscersi più.

Charlotte Rampling è al centro di un dramma sull’isolamento e sui tormenti interiori, sull’incapacità di accettare la realtà che ci circonda

Pallaoro si pone nei confronti della precaria condizione di questa sventurata protagonista con ricercata attenzione e sensibilità. Il regista sembra prendere il personaggio per mano: la macchina da presa le sta pedissequamente addosso, seguendo ossessivamente le malinconiche giornate di una donna la cui fragilità emotiva le impedisce di confrontarsi con gli altri esseri umani e di sopportare le continue e asfissianti pressioni sociali.

hannah

Hannah recensione del film di Andrea Pallaoro con Charlotte Rampling

Hannah è un film che si regge essenzialmente sulla formidabile interpretazione e sulla decadente bellezza di Charlotte Rampling, intrappolata però in una messinscena asettica e statica che facilita il senso di straniamento di chi osserva rispetto al male di vivere che assilla e tormenta la protagonista.

Andrea Pallaoro cerca in tutti i modi di far percepire il dolore che affligge l’animo di Hannah, lavorando per sottrazione e optando per un approccio minimalista che sfortunatamente non riesce mai a rendere effettivamente percepibile il disfacimento interiore ed esteriore di una donna vittima del suo stesso senso di lealtà e devozione.

La linearità descrittiva e l’ingiustificato proposito di dissimulare la vera identità degli eventi narrati contribuiscono non solo al progressivo distaccamento di Hannah dalla sua esistenza (forte è in questo senso la metafora della balena spiaggiata, riflesso di qualcosa che sta per morire), ma anche all’inesorabile allontamento dello spettatore rispetto alla realtà e alla condizione che vengono rappresentate sullo schermo.

Un film ostico e impenetrabile, che camuffa una scarsità di idee e di immaginazione dietro una pretenziosa essenzialità scenica e narrativa

Hannah rinuncia alla narrazione tradizionale – quindi ai dialoghi e alle parole – per seguire un percorso orizzontale in cui l’immobilità di una donna intrappolata dalle proprie scelte di vita viene raccontata esclusivamente attraverso sguardi e silenzi, ritualità quotidiane e sporadici momenti di contenuta liberazione. Il risultato finale è un film ostico e impenetrabile, che camuffa una scarsità di idee e di immaginazione dietro una pretenziosa essenzialità scenica e narrativa.

hannah 2

Stefano Terracina
Stefano Terracina
Cresciuto a pane, latte e Il Mago di Oz | Film del cuore: Titanic | Il più grande regista: Stanley Kubrick | Attore preferito: Michael Fassbender | La citazione più bella: "Io ho bisogno di credere che qualcosa di straordinario sia possibile." (A Beautiful Mind)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

RECENTI

- Advertisment -