martedì, Agosto 9, 2022
HomeRecensioniCinquanta Sfumature di Nero, recensione del film con Jamie Dornan e Dakota...

Cinquanta Sfumature di Nero, recensione del film con Jamie Dornan e Dakota Johnson

Le sfumature sono tornate e diventano sempre più torbide tingendosi di nero. Cinquanta Sfumature di Nero approda nelle sale italiane per la gioia di tutti coloro che hanno amato la saga originale creata dalla scrittrice E.L. James, che in questo secondo capitolo figura anche in veste di produttrice.

Dopo i dissapori tra la James e la regista Sam Taylor-Johnson che avevano funestato il precedente set (e l’esito commerciale del prodotto finale), questa volta è James Foley a sostituire quest’ultima al timone di regia e il marito dell’autrice, Niall Leonard, ad adattare il romanzo bestseller della moglie per il grande schermo.

Le torbide avventure di Anastasia Steele (Dakota Johnson) e del giovane miliardario Christian Grey (Jamie Dornan) continuano e si tingono di un’ulteriore sfumatura da thriller: dopo la fine della loro relazione, è il giovane e complicato uomo amante del sesso estremo a ricontattare la ragazza, l’unica che con i suoi comportamenti è riuscita a fare breccia nel suo cuore tormentato.

Abbandonata – in parte – la perversione erotica che accompagnava l’inizio della loro relazione, questa volta la neo-coppia si ritrova ad affrontare non solo il percorso verso una relazione più stabile, ma anche segreti nascosti e nemici che tramano nell’ombra e che si macchierebbero di qualunque nefandezza pur di dividerli.

Cinquanta Sfumature di Nero prova, in parte, a distaccarsi dal precedente capitolo “in grigio” recuperando una dignità filmica della quale si erano perse le tracce. Prendendosi meno sul serio e “giocando” con il mito pop dei loro personaggi, gli attori sembrano divertirsi molto di più recuperando una certa affinità.

Gli scarsi momenti di suspense rendono più accattivante un prodotto altrimenti ingabbiato nella propria formula commerciale “sesso/amore” che si alterna, continuamente, per i suoi 115 minuti: le scene erotiche si fanno più audaci e contraddistinte da un maggiore effetto “vedo/non vedo”; il sentimento però prevale e regala al pubblico mainstream l’esperienza perfetta in vista di San Valentino.

Come in ogni archetipo fiabesco, la “principessa” spaventata riesce a trovare, in sé stessa, il coraggio necessario per conquistare il proprio “principe” a tal punto da farlo innamorare perdutamente fino a fargli perdere le proprie cattive abitudini. Ma se nei tre romanzi il tempo della narrazione è sospeso e risponde ad altre regole spazio/temporali, nel film tutti questi elementi vengono aboliti in nome dell’incasso e il risultato finale.

In più di un momento il film ricorda una vecchia soap opera concentrata: come se Beautiful fosse stato ristretto giusto il tempo di un caffè. Christian è miliardario, giovanissimo, splendido e vincente; Ana è modesta, umana (“troppo umana”), ma capace di attrarre un uomo irraggiungibile e perfino di cambiarlo in nome dell’amore; la famiglia di lui è perfetta e sembra uscita da uno spot del Mulino Bianco prima che Antonio Banderas lo occupasse in subaffitto.

Perfino le vicende in cui sono coinvolti risultano eccessive e impossibili da concentrare nell’arco di un’intera esistenza. A salvare Cinquanta Sfumature di Nero da una tragi-comica deriva è proprio la leggerezza con la quale il cast si approccia al film: Foley riesce a tenere il ritmo, mentre i protagonisti procedono nel dare corpo ad un’illusione fatta di lusso e perfezione che a noi, spettatori seduti nel buio della sala, piace continuare a spiare.

Guarda il trailer di Cinquanta Sfumature di Nero

Ludovica Ottaviani
Ludovica Ottaviani
Imbrattatrice di sudate carte a tempo perso, irrimediabilmente innamorata della settima arte da sempre | Film del cuore: Lo Chiamavano Jeeg Robot | Il più grande regista: Quentin Tarantino | Attore preferito: Gary Oldman | La citazione più bella: "Le parole più belle al mondo non sono Ti Amo, ma È Benigno." (Il Dormiglione)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

RECENTI

- Advertisment -