mercoledì, Luglio 6, 2022
HomeNewsX-Men Apocalisse: cosa non ha funzionato secondo Simon Kinberg

X-Men Apocalisse: cosa non ha funzionato secondo Simon Kinberg

In una recente intervista con Coming Soon.net, il produttore e sceneggiatore Simon Kinberg ha spiegato cosa, secondo lui, non ha funzionato in X-Men Apocalisse, ultimo capitolo della trilogia prequel degli X-Men che ha letteralmente diviso pubblico e critica. Queste le sue parole:

“Come sceneggiatore, quello che volevo – sia quando l’ho scritto che quando abbiamo iniziato a girare – era raccontare la storia di una famiglia che si ritrova divisa e vuole tornare unita. Nel film completo questo messaggio c’è, ma diciamo che è un po’ sepolto. Quella che salta di più all’occhio dello spettatore è un tizio che vuole distruggere il mondo. Il tizio che vuole distruggere il mondo è un’idea da film di supereroi che risale a 25, 30 anni fa. I film supereroistici di oggi, quelli che il pubblico ama – come Il Cavaliere Oscuro, Iron Man, Guardiani della Galassia – sono basati su esseri umani in circostanze comuni, che si ritrovano ad avere dei superpoteri. Penso che Apocalisse sia diventato un film più “globale”, meno legato alle persone…

È questa la lezione che ho imparato. La posta in gioco legata alle singole persone è molto più importante di quella globale. Lo stesso Bryan Singer ha lavorato seguendo questa linea. Il primo X-Men ci mostrava un Magneto in procinto di fare qualcosa di “globale”, ma la vera storia era salvare Rogue. Il film era su Wolverine e Rogue, un uomo che non vuole essere legato a nessuno e una ragazza che si è perduta. Si trovano, e nel loro trovarsi scoprono gli altri X-Men. È un modo straordinario di raccontare una storia. Credo che in Apocalisse questo aspetto sia andato perso. Forse ci siamo tutti un po’ troppo legati all’idea di vedere il mondo distrutto, fare qualcosa di ancora più colossale rispetto a quanto visto prima nell’intera saga. Ma queste cose non contano più ormai. Il pubblico di oggi sa che è tutto finto: hanno già visto distruggere il mondo milioni di volte sia al cinema che nei videogiochi.”

Cosa ne pensate?

X-Men Apocalisse recensione del film di Bryan Singer

X-Men – Apocalisse è un film del 2016 diretto da Bryan Singer. Basato sui personaggi degli X-Men dei fumetti Marvel, è il sequel di X-Men – Giorni di un futuro passato ed è la nona pellicola di film sugli X-Men. Il film è stato scritto da Simon Kinberg da una storia ideata da quest’ultimo insieme a Singer, Michael Dougherty e Dan Harris ed è interpretato da un cast corale che comprende James McAvoy, Michael Fassbender, Jennifer Lawrence, Oscar Isaac, Nicholas Hoult, Rose Byrne, Tye Sheridan, Sophie Turner, Olivia Munn e Lucas Till. In questo capitolo gli X-Men si scontrano con il loro potente nemico, Apocalisse per salvare la razza umana dall’estinzione. Il film è arrivato nelle sale il 18 maggio 2016 in Italia e il 27 maggio dello stesso anno negli Stati Uniti.

Fonte

Stefano Terracina
Stefano Terracina
Cresciuto a pane, latte e Il Mago di Oz | Film del cuore: Titanic | Il più grande regista: Stanley Kubrick | Attore preferito: Michael Fassbender | La citazione più bella: "Io ho bisogno di credere che qualcosa di straordinario sia possibile." (A Beautiful Mind)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

RECENTI

- Advertisment -