lunedì, Settembre 26, 2022
HomeNewsStar Wars Gli Ultimi Jedi: nuovi dettagli su Finn, Rose, Luke e...

Star Wars Gli Ultimi Jedi: nuovi dettagli su Finn, Rose, Luke e Rey

Dopo le due cover speciali e le nuove immagini, Entertainment Weekly ha pubblicato i primi due articoli dedicati a Star Wars Gli Ultimi Jedi (nuovi articoli usciranno nei corso dei prossimi sette giorni).

Il primo articolo è dedicato al rapporto che nel film di Rian Johnson avranno i personaggi di Finn (John Boyega) e la new entry Rose Tico (Kelly Marie Tran). Nell’articolo viene riportato quanto segue (traduzione di BadTaste.it):

  • All’inizio del film, Finn sarà “traumatizzato” dopo essere rimasto ferito e aver assistito alla morte di Han Solo, e cercherà di abbandonare i “buoni” dopo aver fatto la sua parte, come spiega Boyega: “Le cose si sono fatte molto serie, e lui vuole semplicemente vivere tranquillo, andarsene e non essere coinvolto in tutto questo. Sin dall’inizio la sua intenzione era quella di andare nell’Orlo Esterno. Nel primo film veniva sempre riportato indietro, ma questa volta ha la possibilità di andarsene davvero, magari trovando prima Rey e portandola con sè.” Ma non sarà così automatico, anche per via dell’amicizia che Finn stringerà con Rose, un meccanico della resistenza: “Tutti, nella Galassia, hanno sentito parlare della giovane Jedi che ha scoperto i suoi poteri e ha sconfitto Kylo Ren, e del giovane ex-stormtrooper che ha contribuito a salvare tutti. Finn è diventato un eroe per persone come Rose, che combatte per la Resistenza perché la sua casa è stata distrutta dal Primo Ordine”.
  • Rose è appassionata di motori, un meccanico che lavora dietro le quinte, mentre sua sorella Paige (Veronica Ngo) è molto più dinamica: mitragliere della Resistenza che lavora al fianco di Poe Dameron (Oscar Isaac). Spiega Tran: “Poe Dameron è fichissimo, Finn è fichissimo, e invece nonostante Rose sia molto brava nel suo lavoro non la conosce nessuna. Non è per niente fichissima. È una signora nessuno, un personaggio che vive sullo sfondo, il che la rende interessante. Non è la migliore, non ha il sangue blu, è una persona qualsiasi.” Boyega aggiunge che “Finn apprezza l’essere ‘adorato’, ma quando la incontra sta cercando di fuggire dalla guerra. Se la sta dando realmente a gambe. E così lei lo descrive in un modo un po’ diverso dalla realtà. Ma lui apprezza questa immagine, l’essere visto come eroico e buono. E così può cogliere l’opportunità di dare il meglio di sè. Dovrà prendere questa decisione… insieme a Rose”.
  • Rian Johnson conferma che se Il Risveglio della Forza sembrava seguire alcuni aspetti di Una Nuova Speranza, questo seguirà alcuni filoni tematici dell’Impero Colpisce Ancora, ma non sarà intenzionale: “Ho cercato di ignorare completamente quell’aspetto, serviva la storia giusta. Tuttavia… Rey si trova in un luogo remoto con un Maestro Jedi, la Resistenza è in difficoltà e queste storie si intrecceranno! La natura del film è che ci siano questi parallelismi strutturali. Ma ci saranno anche tantissime novità e nuovi personaggi, ed è quello che definisce il film. Penso sarà un film unico.”
  • Johnson descrive anche la città casinò di Canto Bight, sul pianeta Cantonica: “L’intera città è una specie di resort di lusso costruito su un pianeta altrimenti abbandonato e arido. È come Las Vegas ma con gli alieni. Quindi forse è proprio come Las Vegas.”

star wars ew 11

Nel secondo articolo, invece, si parla del rapporto tra Luke Skywalker (Mark Hamill) e Rey (Daisy Ridley). Ecco cosa riporta l’articolo (traduzione di BadTaste.it):

  • All’inizio del film Luke Skywalker sarà un uomo distrutto, un uomo che avrebbe preferito rimanere disperso, lontano da tutti, come racconta Hamill: “Il fatto che Luke dica: ‘Io conosco solo una verità. È il momento per i Jedi di finire’ è abbastanza sconvolgente per una persona che nei film originali era il simbolo dell’ottimismo e della speranza. E quando lessi per la prima volta quelle parole nello script, rimasi a bocca aperta. Cosa potrebbe alienare così tanto qualcuno dalle proprie convinzioni? Non è qualcosa che ci si può inventare nell’arco di un pomeriggio… ho fatto davvero fatica a digerire quelle frasi.”
  • Rey viene avvertita del fatto che Luke non la accoglierà a braccia aperte. Ma, spiega Daisy Ridley, “Nutre speranza e fiducia in qualsiasi cosa. Anche se ovviamente è un po’ spiazzata. Anche perché nonostante fosse stata abbandonata da piccola, negli ultimi tempi si era abituata al caloroso benvenuto di tutti i suoi nuovi amici. Nessuno le volta le spalle, di solito.” Ma ad Ahch-To le cose cambiano, e Rey inevitabilmente ripensa ad Han Solo: “L’uomo che è morto solo qualche giorno prima era diventato quasi una figura paterna. Ora se n’è andato, e io mi ritrovo con questo brontolone su un’isola, e non mi vuole nemmeno qui con lui.”
  • Hamill getta il sassolino nello stagno: “Ma siamo proprio sicuri che Luke non conosca già Rey?” …la risposta la sapremo al cinema, a quanto pare.
  • Un’altra domanda ancora senza risposta viene sottolineata da Rian Johnson: “Nello scrivere la sceneggiaura dovevamo scoprire il motivo per cui Luke si trova su quell’isola. Non è un codardo, non si nasconde perché è ferito, e deve sapere che i suoi amici e la galassia sono in pericolo e hanno bisogno di lui. È seduto su quell’isola, nel bel mezzo del nulla. Deve esserci una risposta. In qualche modo Luke deve pensare che quella sia la cosa giusta da fare. Il viaggio di Rey riguarda proprio questo”. Hamill aggiunge che c’entra il dubbio che Luke ha nei confronti del suo collegamento con la Forza, dopo quanto accaduto con Kylo Ren nell’Accademia Jedi: “Luke ha fatto un errore madornale nel pensare che suo nipote fosse il prescelto, ha investito tutto ciò che aveva in Kylo, come Obi-Wan aveva fatto con lui. Viene tradito con conseguenze tragiche, e si sente responsabile. È uno dei primi ostacoli nella sua gerarchia Jedi: il senso di colpa, il non essere riuscito a percepire il lato oscuro prima che fosse troppo tardi. […] Ma sappiate che c’è tantissima storia che viene lasciata alla vostra immaginazione, anche se non potevo fare il mio lavoro senza cercare di comprendere cosa fosse successo. Ciò che non era importante nei confronti della storia principale veniva lasciato alla nostra immaginazione, e quindi ci ho pensato io. Ho parlato con Rian e abbiamo immaginato l’elaborato scenario di ciò che accadde a Luke dopo la fine del Ritorno dello Jedi.”

star wars ew 12

Star Wars Gli Ultimi Jedi: tante nuove immagini dal film

Scritto e diretto da Rian Johnson, Star Wars Gli Ultimi Jedi è prodotto da Kathleen Kennedy e Ram Bergman, mentre J.J. Abrams, Jason McGatlin e Tom Karnowski sono i produttori esecutivi. Star Wars Gli Ultimi Jedi porterà avanti le vicende narrate in Star Wars Il Risveglio della Forza. Il pubblico ritroverà sul grande schermo Mark Hamill, Carrie Fisher, Adam Driver, Daisy Ridley, John Boyega, Oscar Isaac, Lupita Nyong’o, Domhnall Gleeson, Anthony Daniels, Gwendoline Christie e Andy Serkis.  A questi si aggiungeranno il premio Oscar Benicio Del Toro, la candidata all’Academy Award® Laura Dern e la talentuosa Kelly Marie Tran.

La squadra creativa de Gli Ultimi Jedi

La squadra creativa include alcuni dei più grandi talenti dell’industria cinematografica, tra cui Steve Yedlin (Direttore della fotografia), Bob Ducsay (Montatore), Rick Heinrichs (Scenografo), Peter Swords King (Hair e Make-Up Designer) e Mary Vernieu (Direttore del casting negli Stati Uniti). Inoltre, Pippa Anderson (Co-produttrice, vicepresidentessa della post-produzione), Neal Scanlan (Supervisore creativo delle creature e dei droidi), Michael Kaplan (Costume designer), Jamie Wilkinson (Responsabile degli oggetti di scena), Chris Corbould (Supervisore degli effetti speciali), Rob Inch (Stunt coordinator), Ben Morris (Supervisore degli effetti visivi) e Nina Gold (Direttrice del casting nel Regno Unito) torneranno a far parte del team.

CORRELATI:

Date di uscita del prossimi film della saga di Star Wars

  • Star Wars Gli Ultimi Jedi 15 dicembre, 2017
  • Han Solo A Star Wars Story 25 maggio, 2018
  • Star Wars Episodio IX 24 maggio, 2019
Stefano Terracina
Stefano Terracina
Cresciuto a pane, latte e Il Mago di Oz | Film del cuore: Titanic | Il più grande regista: Stanley Kubrick | Attore preferito: Michael Fassbender | La citazione più bella: "Io ho bisogno di credere che qualcosa di straordinario sia possibile." (A Beautiful Mind)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

RECENTI

- Advertisment -