martedì, Giugno 6, 2023
HomeNewsDune: per Denis Villeneuve si tratta del "progetto della vita"

Dune: per Denis Villeneuve si tratta del “progetto della vita”

In una recente intervista con Variety, il regista Denis Villeneuve ha parlato dell’annunciato remake di Dune ad opera della Legendary Pictures. Il regista, attualmente impegnato nella post-produzione di un altro ambiziosissimo progetto, ossia Blade Runner 2049, ha rivelato che considera il remake del cult diretto da David Lynch nel 1984 e basato sul romanzo ominimo di Frank Herbert, il “progetto della vita”. Queste le sue parole:

“Negli ultimi anni ho imparato tanto come filmaker, e dopo Blader Runner ho pensato che avrei anche potuto ritirarmi. Ho lavorato ad un ritmo davvero accellerato. Ero felice, eccitato, ma anche molto stanco. Ricordo che durante le riprese del film pensavo: “Questo sarà il mio ultimo film. Dopo me ne resterò a letto per circa tre anni”. Adesso però che sono impegnato con la fase di montaggio ho ritrovato l’energia. Ho letto Dune quando avevo 12 anni. Insieme a 1984, è il mio libro preferito. Dopo aver girato Prisoners, i produttori della Alcon mi hanno chiesto a cosa avrei voluto lavorare in futuro. Spontaneamente ho risposto: “Dune”, se qualcuno mi avesso concesso i diritti. Sapevo che era una cosa difficile da ottenere. Per me si tratta di un sogno. Mi ritengo un uomo fortunato. Non potevo dire di no quando mi è stato offerto di dirigerlo. Sono 35 anni che sono ossessionato da quel libro. È il progetto della vita… della mia vita.”

Lo scorso novembre la Legendary Pictures aveva acquistato i diritti di Dune, il romanzo di fantascienza di Frank Herbert che ispirò l’omonima pellicola cult di David Lynch. L’accordo tra lo studio e gli eredi di Herbert prevede la possibilità dello sviluppo di adattamenti sia cinematografici che televisivi. A produrre il nuovo film ci saranno Thomas Tull, Mary Parent e Cale Boyter, mentre Brian Herbert, Byron Merritt e Kim Herbert figureranno come produttori esecutivi.

Il romanzo Dune è ambientato nell’anno 10191: l’umanità è diffusa tra le stelle e l’universo conosciuto è retto dal Landsraad, un sistema feudale in cui le grandi casate, che possiedono interi pianeti, sono in perenne lotta per il potere.

Il romanzo Dune, il primo capitolo del ciclo omonimo scritto da Frank Herbert, vincitore del premio Hugo e del premio Nebula, era già all’epoca uno dei più celebri romanzi di fantascienza ed era stato spesso indicato tra i “libri impossibili” da trasporre sul grande schermo, non solo a causa della grande quantità di effetti speciali necessari (notevolmente più costosi prima del successivo perfezionamento delle tecniche digitali), ma anzitutto per la notevole complessità della trama e per il particolare stile narrativo utilizzato da Herbert nel suo romanzo, largamente basato su monologhi interiori e dotato di diversi piani di lettura, con un intreccio complesso che coinvolge un gran numero di personaggi differenti.

Fonte

Stefano Terracina
Stefano Terracina
Cresciuto a pane, latte e Il Mago di Oz | Film del cuore: Titanic | Il più grande regista: Stanley Kubrick | Attore preferito: Michael Fassbender | La citazione più bella: "Io ho bisogno di credere che qualcosa di straordinario sia possibile." (A Beautiful Mind)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

RECENTI

- Advertisment -