venerdì, Marzo 1, 2024
HomeIntervisteDavid Rivelazioni Italiane - Italian Rising Stars: presentati i sei vincitori della...

David Rivelazioni Italiane – Italian Rising Stars: presentati i sei vincitori della prima edizione

Presso il Museo Nazionale del Bargello di Firenze, sono stati annunciati i sei vincitori della prima edizione del premio "David Rivelazioni Italiane - Italian Rising Stars".

Nella giornata di venerdì 15 dicembre 2023, presso il Museo Nazionale del Bargello di Firenze che ospita la celebre statua in bronzo del David di Donatello, sono stati annunciati i nomi dei sei attori rigorosamente “under 28” vincitori della prima edizione del premio “David Rivelazioni Italiane – Italian Rising Stars“, nuovo riconoscimento dedicato agli attori emergenti.

Il premio, nato dalla collaborazione tra l’Accademia del Cinema Italiano e l’Area Cinema di Fondazione Sistema Toscana, è giunto a conclusione della “50 Giorni di Cinema a Firenze”, la manifestazione di cinema internazionale in programma da settembre a dicembre nel capoluogo toscano, e rappresenta il frutto della collaborazione tra varie e importanti professioni dell’industria del cinema, sotto l’egida del Ministero della Cultura e della prestigiosa collaborazione della Regione Toscana, del Comune di Firenze con Fondazione CR Firenze e Camera di Commercio di Firenze.

I vincitori sono stati scelti per la qualità del loro lavoro dalla Presidenza del David e dal Consiglio Direttivo composto da Nicola Borrelli, Francesca Cima, Edoardo De Angelis, Domenico Dinoia, Francesco Giambrone, Valeria Golino, Giancarlo Leone, Luigi Lonigro, Mario Lorini, Francesco Ranieri Martinotti e Francesco Rutelli. La preselezione è stata realizzata dall’Unione Italiana Casting Director U.I.C.D. in dialogo con le associazioni di agenti A.S.A. e L.A.R.A.

La parola ai vincitori del “David Rivelazioni Italiane”

Cecilia Bertozzi, Domenico Cuomo, Michele Eburnea, Leonardo Maltese, Fotinì Peluso e Yile Vianello sono i vincitori del “David Rivelazioni Italiane – Italian Rising Stars”.

“Sono molto orgogliosa di far parte di questo gruppo”, ha dichiarato Fotinì Peluso, nota per aver recitato ne Il colibrì di Francesca Archibugi e nella serie Tutto chiede salvezza di Netflix. “Per me rivelazione significa presa di coscienza e la stessa recitazione è stata per me questo: una rivelazione. È stato un anno molto intenso, di grande crescita sia dal punto di vista professionale che umano. E questo premio ne è una conferma di cui sono molto orgogliosa”.

“È uno dei momenti più belli per me”, ha ammesso Domenico Cuomo, noto per le popolarissime serie Mare Fuori e Un Professore, visto di recente anche nel film Mimì. Il principe delle tenebre di Brando De Sica. “Per me rivelazione significa abbandonare le paure, guardare finalmente la realtà senza paura di dover dimostrare un qualcosa che non si è o di aver costruito una maschera sociale o lavorativa che non ci permette di andare a toccare maniera sincera dei punti del nostro bagaglio emotivo”.

“Sono molto emozionata e ancora più grata di questo premio pensato per noi”, ha spiegato Cecilia Bertozzi, vista in Comandante di Edoardo De Angelis. “Quando si inizia a fare questo mestiere, il più delle volte ci si sente persi e non si sa bene dove andare a sbattere la testa. Si fanno tanti tentativi e il più delle volte è come essere sulle montagne russe. Per me rivelazione significa mettere in luce qualcosa che prima non lo era. So di avere ancora molta strada da fare, ma sapere di far parte di questo gruppo grazie al mio ruolo nel film di Edoardo De Angelis, un ruolo di fatto molto piccolo ma in cui ho cercato di trasmettere tutta la mia passione per questa professione, è una bellissima soddisfazione”.

“Io sono pieno di gioiosa confusione, pieno di allegria ma anche di emozione”, ha dichiarato Michele Eburnea, visto ne Il sol dell’avvenire di Nanni Moretti. “Per me rivelazione significa essere portati allo scoperto. È una folgorazione: sulla strada maestra succede un qualcosa; quel qualcosa è ‘essere visti’. Mi sento di fare il ringraziamento più grande all’ossessione e all’ostinazione, che sono le due cose che hanno sempre caratterizzato la mia vita”.

“Per me è stato un qualcosa di totalmente inaspettato”, ha ammesso Yile Vianello, nota per Corpo celeste di Alice Rohrwacher e vista di recente ne La belle estate di Laura Luchetti. “Considero il mio percorso davvero molto fortunato, in tanti sensi. Non ho mai sentito delle fondamenta sulle quali appoggiarmi e tutte le persone e i progetti che ho incontrato lungo il mio cammino mi hanno permesso di crescere e formarmi tantissimo. Penso che la vera rivelazione sia fare questo mestiere: ho scoperto nel tempo quanto sia legato alla vita vera e quanto ci serva per capire anche noi stessi”.

“Sono anche io onorato di far parte di questo gruppo”, ha concluso Leonardo Maltese, tra i protagonisti de Il signore delle formiche di Gianni Amelio e Rapito di Marco Bellocchio. “Per me rivelare significa mettersi in mostra anche con le proprie debolezze e fragilità. Ringrazio davvero tutte le persone coinvolte in questa bellissima iniziativa”.

Un percorso di formazione e una speciale statuetta

Nel corso del prossimo anno, i sei vincitori del “David Rivelazioni Italiane – Italian Rising Stars” saranno protagonisti di un percorso di formazione con una serie di mentori d’eccezione che metteranno a loro disposizione l’esperienza e la professionalità maturata nel corso degli anni: fra questi, Jasmine Trinca, una delle attrici italiane più note e celebrate; Paolo Mereghetti, critico del Corriere della Sera e autore del celebre “Dizionario dei film”; Elisabetta Sgarbi, editrice, regista e organizzatrice culturale; Nicoletta Maraschio, Presidente onoraria dell’Accademia della Crusca; Arturo Galansino, Direttore Generale di Fondazione Palazzo Strozzi; Francesca Medolago Albani, Segretaria Generale di Anica Academy; Virgilio Sieni, coreografo e danzatore, creatore del Centro Nazionale di Produzione che porta il suo nome.

A conclusione di questo percorso a loro dedicato, Cecilia Bertozzi, Domenico Cuomo, Michele Eburnea, Leonardo Maltese, Fotinì Peluso e Yile Vianello riceveranno la speciale statuetta David di Donatello realizzata appositamente per le “Rivelazioni Italiane – Italian Rising Stars” da Bulgari, storico partner del Premio autore delle prime statuette assegnate dal 1956 all’eccellenza nel cinema.

Stefano Terracina
Stefano Terracina
Cresciuto a pane, latte e Il Mago di Oz | Film del cuore: Titanic | Il più grande regista: Stanley Kubrick | Attore preferito: Michael Fassbender | La citazione più bella: "Io ho bisogno di credere che qualcosa di straordinario sia possibile." (A Beautiful Mind)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

RECENTI

- Advertisment -