sabato, Novembre 27, 2021
HomeFestivalFestival di VeneziaVenezia 78: tradimento e vendetta in The Last Duel di Ridley Scott

Venezia 78: tradimento e vendetta in The Last Duel di Ridley Scott

The Last Duel, il nuovo film di Ridley Scott con Matt Damon, Adam Driver, Jodie Comer e Ben Affleck, presentato Fuori Concorso a Venezia 78.

Il leggendario Ridley Scott sbarca alla Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica per presentare, Fuori Concorso a Venezia 78, il suo ultimo film, The Last Duel, tratto dal romanzo omonimo di Eric Jager e interpretato da Matt Damon, Adam Driver, Jodie Comer e Ben Affleck.

Avvincente storia di tradimento e vendetta, ambientata nel clima brutale della Francia del XIV secolo, The Last Duel fa luce sulle ipotesi a lungo tenute per vere riguardo all’ultimo duello legalmente autorizzato in Francia, disputato tra Jean de Carrouges e Jacques Le Gris, due amici diventati acerrimi rivali. La moglie di Carrouges, Marguerite, viene brutalmente aggredita da Le Gris, ma questi respinge l’accusa. Tuttavia la donna rifiuta di stare zitta e si fa avanti per accusare il suo aggressore: un atto di coraggio e di sfida che mette a repentaglio la sua vita. Ne segue un estenuante duello a morte che mette il destino dei tre nelle mani di Dio.

“Il libro originale è stato scritto agli inizi degli anni 2000, se non sbaglio, e qualcuno della mia società ci aveva parlato di questa storia nel 2011, ma all’epoca i diritti erano già stati presi”, ha raccontato Matt Damon, che del film è anche co-sceneggiatore. “Così abbiamo tenuto gli occhi su quel materiale per un po’ e quando abbiamo potuto acquistare noi i diritti, ho subito contattato Ridley e gli ho parlato di questa storia. Non conosco nessuno che affronti storie del genere come fa lui. Poi, alla fine, è stato coinvolto anche Ben.”

“Credo che la cosa che più mi abbia affascinato di questo film sia il personaggio di Marguerite”, ha spiegato Ben Affleck, anche lui co-sceneggiatore del film insieme a Damon e Nicole Holofcener. “Dopo aver letto il libro mi sono reso conto di quanto fosse incredibilmente forte come personaggio. Una persona alla quale era stata fatta un’ingiustizia e che cercava giustizia, rischiando in prima persona. Si tratta della storia vera di una donna straordinaria che la maggior parte delle persone non conosce e nella quale si poteva identificare.”

Parlando di cosa lo ha catturato della storia di Jager e di cosa lo ha spinto ad accettare di dirigere l’adattamento, Ridley Scott ha dichiarato: “Quando si riceve una chiamata da Matt Damon e lui ti dice: ‘Abbiamo un libro che potrebbe essere interessante, vuoi leggerlo?’, non ti puoi rifiutare. È successo all’incirca a Natale del 2018. Ne abbiamo discusso per sei settimane e poi abbiamo iniziato subito a lavorare.”

Damon, parlando del sodalizio artistico con Affleck (che risale ai tempi di Will Hunting – Genio ribelle del 1998) e dell’approccio adottato per questo tipo di racconto, ha poi spiegato: “Abbiamo lavorato in maniera completamente diversa questa volta. All’inizio ci concentravamo di più sui personaggi, ma non avevamo delle basi solide attraverso cui poter affrontare la struttura di un racconto. Abbiamo scritto migliaia di pagine che poi non sono mai state usate da nessuno. Quando poi si è presentata l’occasione di questo progetto, abbiamo pensato che fosse l’occasione giusta per poterci finalmente concentrare maggiormente su tutta una serie di aspetti sui quali, fino ad allora, sentivamo di essere poco efficienti.”

A proposito del ruolo di Marguerite, invece, l’attrice Jodie Comer ha dichiarato: “La cosa più interessante per me è stata la possibilità di partecipare ad un progetto in cui fosse coinvolta Nicole Holofcener. Il mio obiettivo è sempre stato quello di assicurarmi che ciò che lei aveva scritto venisse portato sullo schermo. Si tratta di un personaggio che ha davvero una prospettiva unica. È stato molto difficile interpretarlo, ma anche bello.”

“Mi sono concentrata davvero tanto sul personaggio di Marguerite”, ha fatto eco la sceneggiatrice Nicole Holofcener. “Sapevo quanto questa storia potesse riflettersi nella contemporaneità e nel movimento #MeToo. Allo stesso tempo, però, non volevamo metterci su un piedistallo, puntare il dito e denunciare tanto quello che succedeva un tempo quanto quello che, purtroppo, succede ancora oggi. Volevamo concentrarci su Marguerite in quanto essere umano e sulla storia che ha dovuto affrontare. L’abbiamo fatto con grande delicatezza, cercando di mettere in luce gli aspetti più autentici della sofferenza che aveva provato. Spero davvero che questo verrà percepito dal pubblico.”

The Last Duel arriverà il 14 ottobre 2021 nelle sale italiane. Il film è sceneggiato da Nicole Holofcener, Ben Affleck e Matt Damon. Il cast annovera anche Harriet Walter, Marton Csokas e Nathaniel Parker.

Il trailer ufficiale di The Last Duel

Stefano Terracina
Cresciuto a pane, latte e Il Mago di Oz | Film del cuore: Titanic | Il più grande regista: Stanley Kubrick | Attore preferito: Michael Fassbender | La citazione più bella: "Io ho bisogno di credere che qualcosa di straordinario sia possibile." (A Beautiful Mind)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

RECENTI

- Advertisment -