Live Action Disney: quali sono quelli che hanno incassato di più?

scritto da: Stefano Terracina

Sono diversi anni ormai che la Disney continua a sfornare a più non posso adattamenti in live action dei suoi classici d’animazione più amati. Molti ne sono stati realizzati e tanti ancora ne arriveranno. Indubbiamente, la volontà di arrivare a produrre anche tre live action all’anno – si pensi al 2019, dove a distanza di pochi mesi gli uni dagli altri sono arrivati nelle sale Dumbo, Aladdin e Il Re Leone! -, risponde ad una precisa esigenza commerciale della multinazionale, necessaria a soddisfare il bisogno di essere sempre e comunque la numero uno! D’altronde, perché rischiare un flop colossale con una storia originale quando sappiamo tutti – a cominciare dalla stessa disney – che il pubblico si precipiterà in sala a frotte per assistere ad una copia carbone de La Bella e la Bestia? Eppure, non tutti i live action sfornati dalla Disney negli ultimi anni sono stati dei veri e propri successi al botteghino… ecco quindi una classifica dei live action Disney in base ai risultati raggiunti dal singoli film al box office mondiale.

09. Il Drago Invisibile, 2016 (143 milioni di dollari) 

Qualcuno potrebbe considerare i risultati al box office de Il Drago Invisibile come un’autentica delusione, ma poiché il budget utilizzato per realizzare il film è stato al di sotto dei 200 milioni di dollari (precisamente 65 milioni), i risultati raggiunti dalla pellicola in termini di incasso possono comunque considerarsi soddisfacenti. A tutto questo bisogna aggiungere che il film originale non era così famoso o così amato ai livelli di pellicole come Aladdin o Il Re Leone: di conseguenza, il regista del remake, David Lowery, ha potuto concedersi qualche licenza poetica in più nei confronti della storia, senza la paura di essere “massacrato” dal giudizio del pubblico.

08. Dumbo, 2019 (352 milioni di dollari) 

Dumbo è uno dei live action Disney ad aver incassato di meno fino ad oggi, e dietro il flop al botteghino del film diretto da Tim Burton potrebbero esserci innumerevoli ragioni. 352 milioni di dollari potrebbe non rappresentare per qualcuno un vero e proprio insuccesso, ma se considerate che soltanto per il film sono stati spesi 170 milioni – senza considerare i soldi investiti nelle attività di marketing -, c’è purtroppo soltanto un aggettivo da utilizzare per descrivere la performance di Dumbo al box office mondiale: deludente! Chiaramente nessuno saprà mai perché il film non è stato accolto positivamente dal pubblico: forse a causa dei toni cupi della pellicola, anche da un punto di vista visivo? Forse perché Dumbo non era così amato al pari di Cenerentola o La Bella e la Bestia? O forse per le tematiche ambientali – troppo ambizione, diciamolo! – che Burton ha voluto sviscerare nella sua versione?

07. Cenerentola, 2015 (543 milioni di dollari) 

Con il live action di Cenerentola, Kenneth Branagh si è concesso più di una licenza poetica, anche se questo non ha rappresentato un elemento negativo. Probabilmente all’epoca la Disney non aveva ancora voglia di realizzare delle copie carbone dei suoi classici originali, ed ecco perché a Branagh è stata concessa maggiore libertà: una libertà riscontrabile soprattutto nella profondità con cui il regista si è accostato al personaggio di Cenerentola interpretato da Lily James. Sicuramente, ad oggi, una delle rivisitazioni in chiave live action meglio riuscite!

06. Maleficent, 2014 (785 milioni di dollari) 

Tecnicamente, non è il primo adattamento in live action della popolare favola de La Bella Addormentato nel Bosco; anzi, non è neanche un remake in carne ed ossa del Classico Disney del 1959; è piuttosto una rivisitazione della storia che tutti conosciamo raccontata dal punto di vista di Malefica, l’iconica villain interpretata nel film dal premio Oscar Angelina Jolie. Un tentativo da parte della Disney di “umanizzare” uno dei cattivi della sua scuderia più amati di sempre (forse anche per cercare di evitare possibili critiche che alcune femministe avrebbero potuto muovere nei confronti di un film che, in caso contrario, avrebbe osannato una “donna malvagia e pericolosa”). Alla fine della fiera, però, trasformare Malefica in una povera vittima incompresa è stato comunque un passo falso, nonostante il film sia comunque riuscito a portare in sala tantissimi spettatori.

05. Il Libro della Giungla, 2016 (966 milioni di dollari)

Al pari di Cenerentola, è sicuramente uno dei miglior live action Disney realizzati fino oggi, in grado di trasformare la storia originale – piuttosto esile – in un racconto decisamente più corposo, complesso e coinvolgente. Al di là delle infinite discussioni che si potrebbero intavolare in merito alla colonna sonora (con Bill Murray e Neel Sethi che ha letteralmente “ucciso” un classico senza tempo come “Lo Stretto Indispensabile”… per non parlare della versione di “Voglio essere come te” ad opera di Christopher Walken!), ci sentiamo abbastanza tranquilli nell’affermare che gli incassi raggiunti da Il Libro della Giungla sono assolutamente meritati.

04. Alice in Wonderland, 2010 (1 miliardo e 25 milioni di dollari) 

La prima incursione del visionario regista Tim Burton nel mondo dei live action Disney risale al 2010 con Alice in Wonderland: sfortunatamente, l’eccessivo controllo creativo esercitato dal maestro sul film non ha giovato alla sua riuscita. Ritornano quei toni cupi e desolanti che hanno caratterizzato anche Dumbo, per non parlare di un lavoro forse non troppo calibrato in fase di creazione digitale dei personaggi. Inoltre, la caratterizzazione della Alice di Mia Wasikowska può tranquillamente considerarsi il vero passo falso dell’intera operazione. Eppure, a giudicare dagli incassi, il pubblico sembra aver apprezzato…

03. Aladdin, 2019 (1 miliardo e 48 milioni di dollari) 

Il remake in chiave live action di Aladdin, uscito nelle nostre sale quest’anno, ha visto Will Smith interpretare l’iconico ruolo che nel classico originale fu del compianto Robin Williams. Il film ha incassato talmente tanto al botteghino – complice anche la fama legata all’originale del 1992 – che la Disney ha già messo in cantiere un sequel, che non dovrebbero tratte ispirazione – almeno secondo le prime indiscrezioni – dai seguiti del classico originale usciti direttamente in home video. C’è forse da aspettarsi un sequel di Aladdin vagamente ispirato alla nuova trilogia di Star Wars? Dio ce ne scampi e liberi!

02. La Bella e la Bestia, 2017 (1 miliardo e 263 milioni di dollari)

Diciamo le cose come stanno: le modifiche apportate da Bill Condon al live action de La Bella e la Bestia rappresentano il vero anello debole di questo live action purtroppo dimenticabile. La Disney si è fatta portavoce di una rinnovata istanza femminista attraverso il personaggio di Belle, quindi di un nuovo modello di principessa ancora più forte, determinato e indipendente (logica che è stata applicata anche al personaggio di Jasmine nel sopracitato Aladdin). Eppure, l’immortalità del classico originale ha contribuito a trasformarlo in uno dei live action di maggior successo della Casa di Topolino. Ha anche ricevuto due candidature ai premi Oscar: per i migliori costumi e per la miglior scenografia.

01. Il Re Leone, 2019 (1 miliardo e 631 milioni di dollari) 

Sulla scia del successo de Il Libro della Giunglia, la Disney ha voluto nuovamente Jon Favreau per un nuovo live action (anche se sarebbe più opportuno – in questo caso specifico – parlare di photo real, ossia di fotorealismo) incentrato su un classico d’animazione con protagonisti degli animali e non degli esseri umani. Il risultato finale è decisamente mozzafiato, ma è innegabile quanto gli incassi stratosferici generati al botteghino siano essenzialmente frutto del sentimento di nostalgia intriso in un’operazione del genere, soprattutto quando si parla di un classico così amato. Per IL Re Leone, la strada per diventare uno dei film con il maggior incasso di tutti i tempi era praticamente già spianata…

Stefano Terracina

Direttore responsabile e editoriale | Cresciuto a pane, latte e Il Mago di Oz | Film del cuore: Titanic | Il più grande regista: Stanley Kubrick | Attore preferito: Michael Fassbender | La citazione più bella: "Io ho bisogno di credere che qualcosa di straordinario sia possibile." (A Beautiful Mind)


Siti Web Roma