martedì, Aprile 16, 2024
HomeApprofondimentiFinalmente l'alba: la storia vera che ha ispirato il film di Saverio...

Finalmente l’alba: la storia vera che ha ispirato il film di Saverio Costanzo

Finalmente l'alba, l'ultimo film di Saverio Costanzo, è ispirato al caso Montesi, fatto di cronaca nera avvenuto in Italia il 9 aprile 1953.

Nei cinema dal 14 febbraio, Finalmente l’Alba di Saverio Costanzo riporta all’attenzione del pubblico uno dei primi casi di cronaca italiana ad alto impatto mediatico: l’omicidio di Wilma Montesi.

Ambientato nella Roma degli anni ’50, Finalmente l’alba introduce in una fremente Cinecittà che brulica di produzioni hollywoodiane, come fu davvero a quei tempi. Protagonista è Mimosa (Rebecca Antonaci), una giovane totalmente in contrasto con l’ambiente, il cui destino si incrocia con quello di grandi dive e grandi star dell’epoca (Lily James, Joe Keery) e grazie alle quali viene travolta in una notte indimenticabile. 

A fare da sfondo a questa incredibile atmosfera, il caso Montesi avvenuto il 9 aprile 1953, che inevitabilmente diventa esperienza con la quale si scontra la protagonista, segnando un passaggio formativo di questa notte memorabile.

5
Chi era Wilma Montesi? 

Finalmente l’alba. Foto di Eduardo Castaldo

Wilma Montesi è una ragazza di 21 anni. Romana, di famiglia modesta, sorella di Wanda. È promessa sposa ad un poliziotto che presto raggiungerà in un’altra città, a Potenza. Questo destino sembra calzarle stretto perchè Wilma sogna di lavorare nel cinema e brillare tra le stelle di Cinecittà. Il 9 aprile del 1953 esce da sola dallo stabilimento residenziale in cui vive con la sua famiglia e si dirige verso le spiagge di Ostia per fare un pediluvio, pare. L’11 aprile, però, sulla spiaggia di Torvaianica, a circa 40 chilometri a sud di Roma, un muratore trova il suo cadavere, scalzo e senza reggicalze.

La sua morte viene liquidata in brevissimo, la causa sembra essere un banale annegamento sopraggiunto dopo un mancamento avuto in riva al mare. L’archiviazione avviene rapidamente, ma le testimonianze non collimano tra loro e gli elementi emersi lasciano diversi dubbi. Wilma si sarebbe recata sulla spiaggia di Ostia per fare un pediluvio e dopo un malore di origine incomprensibile – attribuito inverosimilmente al ciclo mestruale della ragazza – sarebbe morta annegata e poi trascinata dal mare fino alla località di Torvaianica.

Indietro
Doranna Discianni
Doranna Discianni
Vivo immersa nel grande schermo perché sono affascinata dalla bellezza. Potteriana e Tarantiniana | Film del cuore: Nuovo Cinema Paradiso | Il più grande regista: Vittorio De Sica. | Attore preferito: Julia Roberts | La citazione più bella: "Sono le scelte che facciamo, Harry, che dimostrano quel che siamo veramente, molto più delle nostre capacità." (Harry Potter e la camera dei segreti)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

RECENTI