martedì, Aprile 16, 2024
HomeApprofondimentiDune: Parte Due, la spiegazione del finale del film

Dune: Parte Due, la spiegazione del finale del film

Cosa accade nel finale di Dune: Parte Due e in che modo ci prepara a ciò che potremmo vedere in un eventuale adattamento di "Messia di Dune", il secondo romanzo del "Ciclo di Dune" di Frank Herbert.

L’epico finale di Dune: Parte Due, secondo parte dell’adattamento del romanzo “Dune” di Frank Herbert ad opera di Denis Villeneuve, preparando il terreno per un’ulteriore espansione della saga cinematografica.

Il sequel riprende dopo la conclusione del film del 2021 e mostra il percorso di Paul Atreides (Timothée Chalamet) mentre diventa parte della cultura dei Fremen e lotta contro la profezia del “Lisan al Gaib”. La storia del sequel si concentra principalmente sulla relazione tra Paul e Chani (Zendaya) mentre i due vanno in guerra per il destino di Arrakis contro Casa Harkonnen. Le cose sono complicate  dal fatto che Lady Jessica (Rebecca Ferguson) aiuta a diffondere la convinzione che suo figlio sia il messia dei Fremen.

Nel finale di Dune: Parte Due, assistiamo alla sfida di Paul nel diventare il nuovo Imperatore. Ciò include il lancio di un attacco su vasta scala contro gli Harkonnen, che si conclude con Paul che uccide il Barone Vladimir Harkonnen (Stellan Skarsgård) e combatte contro suo nipote, Feyd-Rautha Harkonnen (Austin Butler), per la possibilità di governare. Ciò che avviene è esattamente ciò che Paul temeva di più dalle sue visioni del futuro, conferendo un’aura piuttosto tragica al modo in cui il film termina e a come lascia aperta la storia in vista di un possibile adattamento di “Messia di Dune”.

7
Il piano di Paul per diventare Imperatore e salvare Arrakis

Il finale di Dune: Parte Due ruota attorno all’accettazione da parte di Paul Atreides del suo destino in qualità di “Lisan al Gaib” dei Fremen, salvatore di Arrakis e imperatore conquistatore dell’intero universo conosciuto. Il personaggio interpretato da Timothée Chalamet lotta contro il suo destino per gran parte del film, poiché ha delle visioni riguardo la carneficina che scaturirà dalle sue azioni qualora si dirigesse a sud, su Arrakis. Paul preferirebbe dare prova di sé ai Fremen e solo in questo modo aiutarli a liberarsi. Ciò è reso ancora più complicato dalla fede incrollabile che Stilgar (Javier Bardem) ripone in lui e dalla convinzione di sua madre, Lady Jessica (Rebecca Ferguson), che alimenta le credenze nella profezia all’interno della cultura dei Fremen.

Nonostante la lotta contro la realtà che lo obbliga a dirigersi a sud, bere l’Acqua della Vita e diventare il “Lisan al Gaib”, la mano di Paul è forzata quando Feyd-Rautha distrugge il sietch settentrionale dei Fremen. Il piano di Paul è ottenere l’intera ampiezza dei poteri delle Bene Gesserit bevendo l’Acqua della Vita. Lui sa che il suo miracoloso compimento otterrà il sostegno dell’intera popolazione Fremen. Ciò gli conferisce un potere ineguagliato su Arrakis, poiché l’esercito Fedaykin dei Fremen è forte abbastanza per sopraffare gli Harkonnen con l’ausilio delle armi atomiche di Casa Atreides.

Grazie a questo potere, Paul può sfidare l’Imperatore Shaddam IV (Christopher Walken), rivelando di essere vivo, il che lo porta su Arrakis per la guerra. Da questo punto in poi, ci sono due fasi nel piano di Paul per rovesciare l’Imperatore: la prima consiste nel chiedere di sposare sua figlia, la Principessa Irulan (Florence Pugh), in modo che la stirpe dei Corrino continui a detenere il potere; il passo successivo è battere Feyd-Rautha come campione di Shaddam. La morte di Feyd-Rautha da parte di Paul significa la fine immediata della stirpe governante degli Harkonnen e una via naturale per sostituire Shaddam, anche se le Grandi Case non accettano il risultato.

Attraverso queste azioni, Paul ascende ad un nuovo livello di potere. Libera Arrakis dal dominio degli Harkonnen ponendosi al comando, accumulando contemporaneamente più potere per Casa Atreides e vendicando la morte di suo padre. Paul diventa il leader designato di Casa Atreides, il salvatore dei Fremen in quanto “Lisan al Gaib” e l’Imperatore dell’universo conosciuto. Si tratta del compimento ultimo delle visioni di Paul in Dune: Parte Due, in cui regna con il sostegno di una jihad religiosa e con la consapevolezza che ciò porterà inevitabilmente ad una guerra galattica responsabile della morte di miliardi di persone.

Indietro
Stefano Terracina
Stefano Terracina
Cresciuto a pane, latte e Il Mago di Oz | Film del cuore: Titanic | Il più grande regista: Stanley Kubrick | Attore preferito: Michael Fassbender | La citazione più bella: "Io ho bisogno di credere che qualcosa di straordinario sia possibile." (A Beautiful Mind)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

RECENTI