sabato, Maggio 18, 2024
HomeApprofondimentiCinema e Coronavirus: i film sospesi a causa della pandemia

Cinema e Coronavirus: i film sospesi a causa della pandemia

Quello che sta accadendo in queste settimane, nel nostro paese ma anche nel mondo, non ha uguali nella Storia recente. Oltre che sulle persone (purtroppo sia a livello fisico che psicologico), l’epidemia di Coronavirus ha avuto la sua nefasta influenza su svariati aspetti della nostra società, e non ha risparmiato neanche il cinema.

Dapprima il problema ha coinvolto gli esercenti, che sono stati costretti a chiudere le sale, dopo una prima fase di “restrizioni” per gli spettatori. Poi è stato il turno della distribuzione, obbligata a stravolgere il calendario delle uscite (per fare solo un esempio, si pensi a No Time To Die, l’ultimo capitolo della saga di James Bond, la cui uscita è stata posticipata al 12 novembre). Ed infine, come era naturale che fosse, il problema ha coinvolto anche le produzioni.

Nei giorni scorsi si sono susseguiti una serie di comunicati, da parte di alcune major, che annunciavano le sospensioni momentanee delle riprese di molti film previsti in uscita a partire dalla prossima stagione cinematografica. Di fronte al clima di incertezza che regna in questo momento, infatti, i produttori non hanno potuto fare altro che rivedere i piani di lavorazione di diverse pellicole. Le riprese, in tutti i casi, saranno certamente portate a termine, ma è naturalmente impossibile prevederne le tempistiche.

Tra i diversi titoli per adesso messi in stand-by ci sono anche alcuni dei film più attesi dei prossimi mesi. Il più significativo è certamente The Batman, l’ennesimo reboot dedicato all’Uomo Pipistrello. La lavorazione del film, che vede Matt Reeves alla regia e Robert Pattinson nei panni del vigilante mascherato, è stata al momento interrotta per 2 settimane, anche se probabilmente lo stop sarà molto più lungo. Rimane confermata la data di uscita, prevista per il 21 giugno 2021. Ma, in questo caso, c’è tutto il tempo perché anch’essa venga modificata. Alla stessa sorte è andato incontro anche Jurassic World: Dominion di Colin Trevorrow, le cui riprese erano iniziate solo qualche giorno fa, e si sono già dovute arrestare.

Il rallentamento produttivo ha inciso però anche su altri progetti. Tra quelli la cui lavorazione è stata interrotta ci sono Matrix 4 (al timone la sola Lara Wachowski), il terzo capitolo della saga di J.K. Rowling, Animali Fantastici, e pure il biopic King Richard, che racconta la storia delle tenniste Serena e Venus Williams (ad interpretare il dispotico padre delle campionesse, un camaleontico Will Smith).

Tutti e tre i film hanno un uscita prevista per il 2021, ma anche in questo caso è impossibile sapere quando effettivamente le riprese riprenderanno, e quando i film saranno pronti per la loro avventura nelle sale. Curioso invece il caso di Mission Impossible 7, naturalmente con protagonista il solito Tom Cruise nei panni di Ethan Hunt. La produzione ha interrotto le riprese a Venezia, e le sequenze italiane (comprese quelle che sarebbero dovute essere girate a Roma) saranno realizzate in studio, in Inghilterra. Da sottolineare, comunque, che al momento la lavorazione del film non è stata sospesa (probabilmente anche a causa delle blande decisioni in materia da parte del governo britannico).

Anche la Disney è stata costretta a fare i conti con l’emergenza. Bloccata l’uscita nei cinema di Mulan Onward – Oltre la magia, sono diversi i film rimandati a data da destinarsi. È il caso, ad esempio, dei live action La Sineretta Peter Pan and Wendy (questo progetto, a dire il vero, è ancora in fase embrionale), ma anche del kolossal Marvel Shang-Chi and the Leggend of the Ten Rings, la cui lavorazione stava avendo luogo in Australia. Sempre rimanendo nell’ormai ampio universo cinematografico Disney, anche il nuovo film di Ridley Scott, The Last Duel (etichetta: 20th Century Studios), con protagonisti Matt Damon, Adam Driver e Ben Affleck, è stato posticipato a data da destinarsi.

Come il cinema, anche la produzione delle serie tv è stata (parzialmente) compromessa. Ancora la Disney ha avuto difficoltà a terminare le riprese della serie The Falcon and the Winter Soldier, dedicata ai due personaggi Marvel ed esclusiva della piattaforma Disney+ (la serie comunque sarà disponibile nei tempi previsti dalla casa di produzione). Stessi problemi per Netflix, che ha dovuto interrompere, tra le altre, la produzione dell’attesa quarta stagione di Stranger Things e quella della serie horror targata Mike Flannagan, Midnight Mass. Mentre Apple Tv+ ha per ora “messo in ghiaccio” la seconda stagione dell’acclamato The Morning Show, con protagonista Jennifer Aniston.

C’è comunque a chi è andata, se possibile, ancora peggio. È il caso del nuovo film di Baz Lurman (Il grande Gatsby), dedicato alla star del rock Elvis Presley. Alla pellicola avrebbe dovuto prendere parte anche Tom Hanks (nei panni dello storico manager del cantante, Tom Parker), ma l’attore – come da lui stesso comunicato sui social qualche settimana fa – ha contratto il virus insieme alla moglie, e al momento è ricoverato in un ospedale australiano. Pur di avere Hanks nel film, il regista ha deciso di interrompere le riprese di Elvis, aspettando che l’attore premio Oscar si riprenda e possa tornare sul set.

Oltre a quelli elencati, ci sono naturalmente anche molti altri i film che faticheranno a vedere la luce. Non sappiamo quando usciremo da questa drammatica situazione, ma una cosa è certa (anche se, per certi versi, poco consolatoria): il grande cinema è là che ci aspetta, pronto ad aiutarci quando questo incubo finirà, magari per alleviare un po’ le nostre pene. In fin dei conti, non è forse vero che il cinema è fatto della stessa materia di cui sono fatti i sogni? E sognare, spesso, non costa nulla.

Diego Battistini
Diego Battistini
La passione per la settima arte inizia dopo la visione di Master & Commander di Peter Weir | Film del cuore: La sottile linea rossa | Il più grande regista: se la giocano Orson Welles e Stanley Kubrick | Attore preferito: Robert De Niro | La citazione più bella: "..." (The Artist, perché spesso le parole, specie al cinema, sono superflue)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

RECENTI

- Advertisment -