Cinecomics: i peggiori 8 della storia (che non sono Marvel o DC)

scritto da: Redazione

Avengers Infinity War è arrivato nelle nostre sale il 25 aprile, sconvolgendo letteralmente i fan. Osannato dalla critica, il diciannovesimo capitolo dell’Universo Cinematografico Marvel è stato dichiarato il miglior cinecomics di tutti i tempi. I Marvel Studios sono stati in grado di sfornare un gran numero di pellicole di grande successo. La stessa cosa è accaduta alla rivale per antonomasia, ovvero la DC, che sfruttando principalmente i franchise di Batman e Superman, è riuscita a produrre pellicole più o meno memorabili.

Cinecomics: i peggiori 8 della storia (che non sono Marvel o DC)

Ma il genere supereroico non è solo appannaggio della Marvel o della DC. Esistono numerose pellicole che hanno attinto dalle storie di altre case editrici o che addirittura narrano di supereroi creati ex novo. I risultati però non sono sempre stati brillanti. Abbiamo deciso di stilare una piccola Top 8 dei cinecomics meno eroici e riusciti che non sono né Marvel né DC.

1. Sky High – Scuola di Superpoteri

Nel 2005, nella prima golden age dei cinecomics, in cui il successo dei primi due Spider-Man di Sam Raimi e dei primi due capitoli degli X-Men di Bryan Singer avevano spianato la strada a questo genere, la Walt Disney Pictures ha provato a sviluppare un proprio frachise su questo genere. Nasce così Sky High – Scuola di Superpoteri, una pellicola miratamente teen, che mischiava la tematica dei supereroi inserita in un contesto scolastico, assimilandosi così alla saga di Harry Potter. Sono moltissimi i volti noti che appaiono nel film, da Kurt Russell a Kelly Preston, con tanto di partecipazione speciale di Lynda Carter, la Wonder Woman dell’omonima serie televisiva degli anni ’70. Il mancato successo di pubblico e critica ne ha delineato la fine già al primo capitolo.

2. Spawn

Cinecomics

La Imagine Comics ha tirato fuori uno degli anti-eroi più amati dai fan dei fumetti. La creatura creata da Todd McFarlane – autore di un altro personaggio molto noto della Marvel (ovvero Venom, di cui vedremo presto il film stand-alone con protagonista Tom Hardy) – è straordinaria: stiamo parlando dello spaventoso Spawn. Nel 1997 Mark A. Z. Dippé porta sul grande schermo questo tormentato personaggio. Sebbene il look del protagonista fosse davvero da urlo, il lungometraggio non è andato come sperato. Stroncato dalla critica, nessun seguito è stato realizzato; sebbene da tempo ci arrivino saltuariamente notizie di un possibile e richiestissimo reboot, non si hanno certezze sul suo futuro.

3. La Mia Super Ex Ragazza

Cinecomics

Il genere supereroico, come abbiamo potuto vedere dalle diverse pellicole del MCU come Guardiani della Galassia e Ant-Man, si presta molto bene alla fusione con la commedia. Così nel 2006 Ivan Reitman si ritrova a dirigere una pellicola decisamente particolare: La Mia Super Ex Ragazza. Con protagonisti Uma Turman e Luke Wilson, la pellicola racconta le vicende di Matt, che dopo la rottura con la sua ex Jenny – alias G-Girl, supereroina della città – deve trovare un modo per troncare le vessazioni che la ex continua a procurargli dopo la fine del loro rapporto. Un esperimento interessante, purtroppo riuscito a metà, ma che per alcuni risulta comunque molto gradevole.

4. Tartarughe Ninja

Cinecomics

I Mirage Studios hanno decisamente colpito il bersaglio quando hanno pubblicato le storie di quelle che in Italia sono conosciute principalmente come le Tartarughe Ninja. Ad aumentare la loro notorietà è stato soprattutto il cartone animato, in onda su Italia Uno, che ha accompagnato diverse generazioni. Dopo i pupazzosi film degli anni ’90, diventati veri e propri cult, nel 2014 Michael Bay produce il remake cinematografico dal titolo (originale) Teenage Mutant Ninja Turtles. Il risultato è un film fracassone che appaga poco i fan di vecchia data e scontenta la critica, ma il successo al botteghino è talmente buono che viene prodotto un sequel. Siamo di fronte al classico effetto Transformers!

5. Max Steel

I supereroi vengono da qualsiasi media! Dopo le pellicole su G.I. Joe, la nota serie di giocattoli, tocca a Max Steel arrivare sul grande schermo. Conosciuto soprattutto dalle generazioni più giovani, la pellicola prende spunto dal giocattolo della Mattel, che è stata accompagnata da una serie tv a cartoni animati. Il film, a ragione davvero poco noto, conta la partecipazione di star quali Andy Garcìa e Maria Bello. Ovviamente la mancanza di una storia ben strutturata e un livello di CGI quasi imbarazzante, hanno decretato la fine di un franchise che non è mai partito veramente.

6. Paper Man

Ryan Reynolds è probabilmente uno degli attori più legati ai cinecomics di Hollywood. Non solo è stato protagonista del film Lanterna Verde della DC Comics, ma è stato anche l’incarnazione di un celeberrimo personaggio Marvel: stiamo ovviamente parlando di Deadpool, il cui secondo capitolo arriverà nelle nostre sale il 15 maggio. Un’altra incarnazione meno nota è quella che lo stesso attore canadese ha interpretato nel film Paper Man – da non confondere con il cortometraggio Disney Paperman – in cui interpreta il supereroe Captain Excellent, personaggio immaginato dal protagonista Richard, interpretato da Jeff Daniels. Nonostante la vena autoriale, la pellicola non è riuscita a convincere né il pubblico né la critica, finendo così nel dimenticatoio.

7. The Mask 2

Cinecomics

Parlando di un altro personaggio davvero poco convenzionale, non possiamo non menzionare una delle creazioni nata dalle scuderie della Dark Horse Comics e che, similmente alle Tartarughe Ninja, deve il suo successo principalmente alla sua incarnazione cinematografica: parliamo ovviamente di The Mask. Il primo film con Jim Carrey è diventato un cult assoluto le cui frasi celebri sono tutt’ora in voga. Purtroppo – e non se ne sentiva davvero il bisogno – nel 2005 esce nelle sale cinematografiche il sequel. The Mask 2 con Jamie Kennedy e Alan Cumming è un film che non consiglieremmo nemmeno al nostro peggior nemico: bambini magici e cani gelosi non sono un mix vincente…

8. Superhero – Il Più Dotato Fra i Supereroi

Il mondo degli horror ha goduto di un sottofilone di genere parodistico decisamente molto ampio. La saga di Scary Movie è andata di pari passo con le uscite dei nuovi franchise horror, facendoci morire dalle risate. Visto questo successo, Hollywood si è chiesta: perché non applicare questo paradigma anche al genere supereroico? Nel 2008 esce Superhero – Il Più Dotato fra i Supereroi, un film parodia che inseriva al suo interno riferimenti e citazioni ai maggiori successi di questo genere, tra cui immancabili Spider-Man, Batman, X-Men, Fantastici 4, Hulk ecc. Nonostante il discreto successo al botteghino, il film fu stroncato dalla critica. Eppure, di tutta la lista, questo è l’unico film che ci sentiamo di consigliare, se non altro per la presenza di Leslie Nielsen in una delle sue ultime interpretazioni: come sempre, impareggiabile!

Redazione

La redazione di Moviestruckers è composta da un valido ed eterogeneo gruppo di appassionati cinefili con alle spalle una comprovata esperienza nel campo dell'informazione cinematografica.


Siti Web Roma